Come ottenere il Bonus animali domestici 2022 e tutti i requisiti e le detrazioni utili alle cure degli amici a 4 zampe

Le gioie che sanno dare gli animali domestici, tra cani, gatti e le specie più disparate, sono difficili da descrivere. Una bestiola in casa, molto presto, diventa un membro effettivo della famiglia che ha generosamente deciso di adottarlo. Gli animali sanno come ricompensare le cure ricevute dai loro bipedi, in termini di amore, affetto dedizione.

Avere una bestiola in casa cambia la vita in meglio ed è certamente un privilegio. A fronte di ciò, tuttavia, non si può negare che le cure veterinarie dovute ai piccoli amici, sono spesso piuttosto onerose. Ci si riferisce in particolar modo a cani e gatti prelevati dai canili o dalle case famiglia che accolgono bestiole abbandonate. Senza soffermarsi sull’abominio dell’abbandono, è vero che molto spesso gli animali adottati presso queste strutture si portano appresso malattie complesse.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Ecco perché è importante capire come ottenere il Bonus animali domestici 2022, che è un valido sostegno alle cure veterinarie.

Gli appelli dei volontari spesso spingono per l’adozione di creature in difficoltà, magari affette da leishmainiosi o rickettzia. Queste malattie colpiscono principalmente i randagi che vengono a contatto con zanzare e altri pericolosi vettori, senza essere coperti da un antiparassitario adeguato.

Spesso, nonostante l’impegno profuso da questi operatori di buon cuore non è sufficiente a coprire le spese per salvare la vita ad animali la cui salute è decisamente compromessa. Va detto che, purtroppo, anche cani e gatti ben accuditi spesso sviluppano patologie pericolose, così come accade agli esseri umani.

Come ottenere il bonus animali domestici 2022 tutti i requisiti e le detrazioni utili alle cure degli amici a 4 zampe

Le spese veterinarie spettano ai padroni e ai generosi adottanti. Queste persone sanno che prendersi cura di un cane malato non è solo un gesto nobile ed encomiabile, ma anche costoso.

Fortunatamente, anche quest’anno è previsto il Bonus per gli animali domestici.

Si tratta di una serie di agevolazioni concesse dal Governo, che si rivolgono non solo ai possessori, ma anche a alle strutture territoriali finalizzate alla tutela degli animali randagi.

In cosa consiste, nella pratica, questo Bonus? Si parla di una detrazione IRPEF del 19% , a patto di essere in possesso dei requisiti necessari per beneficiarne, così come sancito dalla Legge di Bilancio. Gli animali domestici o impiegati in attività sportiva devono essere acquistati, affidati e detenuti legalmente. Devono essere regolarmente iscritti all’apposita anagrafe e muniti di microchip. Non vi è nessuna specifica particolare in merito all’ISEE del possessore.

In buona sostanza, viene riconosciuto uno sconto fiscale sulla scorta delle spese effettuate per la salute dell’animale nell’anno precedente alla dichiarazione dei redditi. Il Bonus può essere fatto valere nell’ambito di spese veterinarie specialistiche, interventi chirurgici, esami di laboratorio per patologie gravi e spese farmaceutiche. L’importo massimo per beneficiare della detrazione ammonta a 550 euro e si ottiene facendo domanda, anche online, all’Agenzia delle Entrate.

Per chi presenta il modello 730, è sufficiente inserire il codice “29” nella sezione I, sotto la voce “Altre spese”. È un generoso e valido aiuto per chi non rinuncia a farsi carico di una bestiola bisognosa di cure, che può essere anche incentivante in tal senso.

Lettura consigliata

Portare in vacanza il cane gratuitamente è possibile con questa nuova iniziativa di Trenitalia contro l’abbandono estivo

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te