Come evitare la seconda multa per mancata comunicazione dei dati del conducente

Tutti i proprietari di auto sono interessati a sapere come evitare la seconda multa per mancata comunicazione dei dati del conducente.

Il caso si verifica quando la Polizia notifica una multa al proprietario dell’auto che non ha potuto fermare subito. Quel proprietario dovrà dichiarare chi era al volante in modo che la Polizia applichi la sanzione accessoria della decurtazione dei punti dalla patente.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Se il proprietario non comunica i dati del conducente subisce una seconda multa, che varia da 282 euro a 1142 euro. Questa seconda sanzione, però, è prevista solo se i dati non vendono comunicati senza giustificato motivo.

Il giustificato motivo

Avere un giustificato motivo per non comunicare i dati salva il proprietario dalla seconda multa.

Una prima chance offerta al proprietario è la seguente. Se il proprietario dell’auto era anche conducente al momento dell’infrazione deve comunque effettuare la comunicazione dei dati. In questo modo gli saranno decurtati i punti dalla patente.

Come evitare la seconda multa per mancata comunicazione dei dati del conducente

Ciò significa che il proprietario, se è autore della violazione, può scegliere tra effettuare la comunicazione dei dati, e perdere i punti, oppure pagare la seconda multa. L’ulteriore multa è salata, ma se il proprietario ha già subito la decurtazione di molti punti dalla patente può preferire di sottoporsi alla seconda multa.

Fare la comunicazione senza perdere i punti

A ben vedere la norma impone di effettuare una comunicazione alla Polizia, ma il contenuto della comunicazione è libero. Quindi il proprietario non subirà la seconda multa se dichiarerà sull’apposito modulo che non può ricordare chi fosse alla guida. Ovviamente questa comunicazione dovrà essere motivata validamente. Può essere una valida giustificazione dire che il nucleo familiare è piuttosto numeroso e la macchina viene usata a turno da tutti. Oppure può darsi che la macchina sia intestata ad una persona anziana che non guida più e si fa accompagnare in giro da figli e nipoti. Anche in questo caso è plausibile non ricordare chi fosse alla guida nel giorno della multa.

Come evitare la seconda multa per mancata comunicazione dei dati del conducente

L’ultima possibilità riguarda l’auto aziendale a disposizione dei dipendenti. Se l’azienda non tiene un registro per controllare l’uso dell’auto si dovrà scrivere nel modulo che non è possibile ricostruire chi fosse alla guida. Ecco che la seconda multa per mancata comunicazione dati non potrà essere irrogata.

Consigliati per te