Come curare il mal di schiena eliminando i rotoli sui fianchi e la pancia molle

schiena

Sono diverse le cause che possono portare le persone a soffrire del mal di schiena. Tensioni o stress, stiramenti o affaticamenti muscolari, sciatiche o forme di scoliosi. Ma anche artrosi, malformazioni, osteoporosi, infortuni o ernie. Se soffriamo di mal di schiena, dovremmo rivolgerci a uno specialista, perché i passi per un’indagine accurata potrebbero essere numerosi.

In certi casi dovremmo preoccuparci soprattutto se sentiamo battere dolorosamente sulla colonna vertebrale, se abbiamo febbre e brividi non legate a particolari patologie. I dolori nella parte alta della schiena sono insidiosi e alcune volte potrebbero significare patologie gravi e invalidanti.

Le indagini di routine sarebbero indispensabili. Nella zona lombare, invece, protrusioni o ernie sarebbero frequenti. Solitamente con la risonanza magnetica si dovrebbe capire la tipologia del problema. Alcuni studi giapponesi del 2015 avrebbero stabilito la mancanza di connessione diretta tra ernie e dolori. Questa, però, è una materia in continuo aggiornamento.

In quale posizione sarebbe meglio dormire

La risonanza magnetica si prenota tramite il Servizio Sanitario Nazionale e ogni Regione ha un suo numero, alcune hanno un numero verde apposito altre un numero del ReCup. In attesa della visita dovremmo tenere tutta una serie di comportamenti per fare in modo che la salute della schiena non peggiori.

Non è facile capire come curare il mal di schiena e proteggerci da movimenti bruschi che potrebbero complicare la situazione. Cerchiamo di non sottovalutare il riposo, di non fare attività fisica pesante ma solo stretching o camminate. Facciamo esercizi per rilassare i muscoli e migliorare la postura e stiamo attenti ai movimenti innaturali.

Per alleviare i dolori potremmo fare delle docce calde, utilizzare pomate come l’artiglio del diavolo o l’arnica per riscaldare la zona dolorante. Potremmo utilizzare un corpetto non rigido che corregga la postura e fare esercizi che ci sblocchino se ci sentiamo legati. L’importante è non commettere errori. Cioè trasportare pesi, fare piegamenti improvvisi, dormire in posizioni poco consone o fare sport stressanti per la colonna. Se riusciamo, proviamo a riposare tenendo le gambe sollevate oppure dormiamo di fianco utilizzando un cuscino per separare le ginocchia.

Quale sarebbe il miglior antidolorifico

Potrebbe passare del tempo prima di fare la risonanza magnetica. Questi comportamenti sarebbero un grande passo avanti. Se non sappiamo come curare il mal di schiena e i medicinali non ci piacciono, potremmo essere costretti a cambiare idea. I medicinali da banco maggiormente indicati sono ibuprofene, naprossene, ketoprofene e diclofenac ma ricordiamoci che ogni fisico risponde in maniera diversa ai farmaci.

Quindi, consultiamo un medico e facciamoci indirizzare verso il prodotto più adatto per il nostro disturbo. Fonti governative mettono in evidenza studi da tutto il Mondo che parlano dell’efficacia del paracetamolo nel trattamento del mal di schiena. Soprattutto per lombalgie acute. Parliamone con il nostro medico.

Molti pensano, poi, che avere un ventre molle possa incidere sulla presenza dei dolori alla schiena. Sicuramente l’esercizio fisico è l’alternativa migliore ai medicinali. Mantenerci in forma senza fare sforzi esagerati potrebbe garantire la salute della schiena. La fascia addominale è una protezione naturale ed è fondamentale per la postura. Ma facciamo attenzione anche ai gonfiori della pancia. Spesso l’aria presente nell’intestino può creare dolori soprattutto tra le scapole e allora è l’alimentazione che dovrebbe cambiare per ottenere miglioramenti veloci.

Come curare il mal di schiena tenendoci in forma ogni giorno

Un’attività fisica moderata e una dieta equilibrata possono fare in modo che la forma fisica non sparisca neanche superata una certa età. Pochi esercizi di squat, addominali e jumping jack sono sufficienti per essere sempre attivi. Stretching, pilates e yoga aiutano l’elasticità muscolare. Eliminare il grasso in eccesso, i rotoloni nei fianchi e la flaccidità del fisico significherebbe fare prevenzione. Mangiamo 4 porzioni di verdura al giorno e 3 di frutta mettendo da parte cibi grassi e fritti, bevande gassate e merendine confezionate.

Se comunque dovesse capitarci di soffrire a causa episodi saltuari in cui i dolori ci bloccano, oltre all’arnica e all’artiglio del diavolo, anche gli impacchi di zenzero e curcuma potrebbero essere utili. Così come i massaggi con gli oli essenziali di menta piperita e chiodo di garofano utilizzati insieme all’arnica. Se abbiamo la possibilità economica, ricordiamoci dei massaggi con le pietre calde e dei bagni con il sale marino che sono la specialità di alcune Spa organizzate.

Lettura consigliata

Mal di schiena, ernia del disco e cervicale potrebbero essere meno dolorose con queste terapie utilizzate anche per tumori e sclerosi multipla

Il contenuto di questo articolo è stato letto, corretto e approvato dal referente scientifico, Dr. Raffaele Biello.
Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te