Come aspettare la pensione a 67 anni con 815 euro d’indennità per 6 mesi e poi con 525 euro mensili per 10 anni dai 57 anni

C’è una particolare misura che consente di lasciare il lavoro già a partire da 57 anni di età. Più che una pensione però è un bonus o un indennizzo che viene pagato dall’INPS mese per mese. Una specie di indennità che accompagna alla pensione di vecchiaia che resta fissata a 67 anni. Non tutti però sanno cosa fare soprattutto non tutti conoscono le regole utili a percepire questa indennità. E poi, fino al 2023 l’INPS eroga un Bonus per 6 mesi fino ad 815 euro al mese. Due misure che possono essere collegate perché la platea degli interessati è più o meno la stessa.

Come aspettare la pensione a 67 anni con 815 euro d’indennità per 6 mesi e poi con 525 euro mensili per 10 anni dai 57 anni

Una persona che ha un negozio, un pubblico esercizio o una bottega qualsiasi, può decidere di andare a riposo prima del previsto godendo non di uno, ma di due trattamenti da parte dell’INPS. Uno è il cosiddetto indennizzo commercianti, misura che consente proprio a chi svolge queste attività, di ricevere un assegno mensile per tutti gli anni che gli mancano per raggiungere la sua pensione di vecchiaia.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

L’altro è una specie di indennità di disoccupazione per queste categorie di lavoratori, cioè l’ISCRO. La prima misura è strutturale e per le donne inizia già a 57 anni di età (per gli uomini a 62 anni). La seconda è una sperimentazione triennale, valida dal 2021 al 2023. L’indennizzo commerciati arriva fino a 525 euro al mese, mentre l’ISCRO fino a 815. La prima misura può essere percepita anche per 10 anni (le donne dai 57 ai 67 anni di età), la seconda per 6 mesi.

Prima l’ISCRO, poi il contributo per la cessazione della licenza

Per godere dell’indennizzo commercianti occorre chiudere l’attività definitivamente. Gli interessati devono cancellarsi dal registro delle imprese, chiudere la partita IVA e restituire la licenza al Comune dove ha sede l’attività. Cedere la licenza ad un figlio, venderla o cedere l’attività non consente di fruire della misura. I beneficiari sono quelli che risultano iscritti al fondo pensionistico per commercianti e artigiani dell’INPS, da non meno di 5 anni. L’indennizzo non è compatibile con nessuna tipologia di attività lavorativa svolta dalla persona che chiude l’attività. L’ISCRO invece non prevede la cessazione dell’attività, anzi, è l’esatto contrario.

Per questo andrebbe prima sfruttata questa misura, per poi passare all’indennizzo commercianti. Si tratta di una specie di piano che risponde alla domanda sul come aspettare la pensione a 67 anni di età con la quiescenza di vecchiaia. L’ISCRO è di importo compreso tra 254,75 e 815,20 euro al mese. Il contributo di questo Bonus per le Partite IVA è pari al 25% dell’ultimo reddito semestrale che il lavoratore autonomo ha registrato all’Agenzia delle Entrate. Hanno diritto all’ISCRO i soggetti iscritti alla Gestione Separata INPS, con almeno 4 anni di Partita IVA attiva e senza altre forme di sussidio (NASPI o reddito di cittadinanza per esempio). Inoltre è necessario che l’ultimo reddito del diretto interessato deve essere inferiore, almeno della metà rispetto alla media dei redditi dichiarati nei tre anni precedenti e non superiore a 8.299,76.

Approfondimento 

Come recuperare il più possibile andando in pensione 5 anni prima con 70.000 euro di premio oltre al TFR di oltre 1.000 euro per ogni anno di lavoro

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te