Come andare a vivere da soli con pochi soldi e gestire casa e cibo

Finita l’Università, o magari giusto dopo aver preso il diploma, nei giovani è spesso crescente la voglia di indipendenza che si traduce poi, sostanzialmente, nella volontà di lasciare la casa dei propri genitori.

Pur tuttavia, spesso passano anni prima di soddisfare questo bisogno di andare a vivere da soli. Questo perché altrettanto spesso non ci sono a livello economico le disponibilità al fine di poter fare il grande passo.

Vediamo allora, al riguardo, di fornire alcuni consigli utili su come, in ogni caso, sia possibile andare a vivere da soli anche quando i soldi in tasca sono pochi. Sia riducendo all’osso le spese e i costi superflui, sia facendo leva su un pizzico di ingegno.

Come andare a vivere da soli con pochi soldi e gestire casa e cibo

Nel dettaglio, dividere l’appartamento con un coinquilino di fiducia, un amico o un’amica, è il primo passo per iniziare a tagliare i costi fin dall’inizio. Mentre per quel che riguarda il cibo, fare la spesa al discount sfruttando le promozioni è allo stesso modo una scelta chiave se i soldi in tasca sono pochi.

Nel caso in cui la casa in affitto dovesse essere arredata, inoltre, si possono acquistare i mobili usati. Chi ha pochi soldi e punta all’indipendenza, inoltre, non può chiaramente tenere e mantenere un’auto. Quindi, la casa da scegliere deve essere ben collegata alla rete del trasporto pubblico locale. Vediamo, inoltre, quali sono gli altri accorgimenti e scelte su come andare a vivere da soli con pochi soldi.

Dal fondo di emergenza ai lavoretti per mantenersi, ecco altri consigli utili per vivere da single

In particolare, chi ha pochi soldi e vuole andare a vivere da solo, deve pure mettere in conto che non può andare a mangiare fuori troppo spesso. In più, non si può lasciare la casa dei genitori senza aver prima, con prudenza, fatto almeno altre due cose. Ovverosia, avere un gruzzoletto di emergenza in caso di spese impreviste. Quindi, almeno 2.000-3.000 euro proprio come fondo di emergenze e imprevisti.

Inoltre, per chi vuole andare a vivere da solo ma non ha un lavoro, prima di lasciare la casa dei genitori dovrebbe comunque trovare un’occupazione part-time. O comunque dei lavoretti che, dividendo le spese con il coinquilino di fiducia, permettano, anche con qualche rinuncia, di riuscire a sbarcare il lunario.

Lettura consigliata

Quanti soldi ci vogliono per andare a vivere da soli e per godersi la vita da single o con il partner

Consigliati per te