Chi porta le lenti a contatto dovrebbe conoscere 3 strategie da usare quando danno fastidio

lenti a contatto

Le lenti a contatto hanno rivoluzionato il modo di vivere delle persone. Solo qualche decennio fa, infatti, chi non aveva una buona vista bene, era destinato ad indossare, per il resto della vita, occhiali spessi come fondi di bottiglia.

Le montature non erano belle e colorate come oggi, ma molti più seriose e lineari, sicuramente meno stilose di oggi. Oltretutto a chi non è capitato almeno una volta di perdere i propri occhiali, e di cercarli con fatica in giro per casa?

Possiamo sfruttare soluzioni ingegnose per non perderli, ma potremo evitare del tutto questo problema semplicemente usando le lenti a contatto. Queste, infatti, ci hanno semplificato la vita, anche da un punto di vista estetico, e oggi ci sono bonus vantaggiosi per averle.

Oltre all’estetica, però, è importante pensare anche al benessere dei nostri occhi. Ci sono, infatti, buone norme da seguire quando si indossano le lenti a contatto, che è bene seguire per non affaticare l’occhio.

Sembrerà un paradosso, e invece è proprio così. Basta considerare, infatti, che la lente a contatto, nonostante sia morbida e confortevole, è pur sempre un corpo estraneo per l’occhio.

Per questo motivo, dovremo usare alcune accortezze per non danneggiarci. Chi le usa troppo, ad esempio, potrebbe avvertire gli occhi secchi, pesanti o stanchi, e le lenti potrebbero risultare fastidiose.

Ecco cosa dovremo fare in questi casi.

Chi porta le lenti a contatto farebbe meglio a seguire queste buone abitudini

Partiamo con una soluzione utilissima soprattutto per chi fa un uso prolungato delle lenti a contatto o, ad esempio, per chi passa molte ore al pc. In questo caso, bisognerà sempre avere con sé soluzioni per mantenere gli occhi umidi e ben idratati.

Si chiamano lacrime artificiali, e ci aiuterebbero in diversi modi. Oltre a mantenere l’occhio in salute e a proteggerlo da possibili infezioni, queste lacrime ci darebbero anche una migliore visione.

Come pulirle correttamente, e non solo

Un’altra buona abitudine da mettere in pratica tutti i giorni sarebbe quella di pulire le lenti a contatto, sempre e correttamente. Prima di indossarle e quando le toglieremo, infatti, dovremmo sciacquare le lenti con la soluzione sterile apposita. Oltre a ciò, bisognerebbe sostituire quotidianamente anche l’acqua del porta lenti in cui le depositeremo. Qui, infatti, potrebbero depositarsi depositi di trucco, pulviscoli e altri microrganismi estranei e dannosi.

Inoltre è essenziale non lavare mai le proprie lenti con acqua del rubinetto o con saliva. In più non bisognerebbe mai dormire con le lenti, o utilizzarle oltre la data di scadenza.

Per questo esistono lenti trimestrali, mensili, settimanali o giornaliere. Queste andranno sostituite alla loro scadenza, nell’ordine esatto, quindi ogni 3 mesi, ogni mese, ogni settimana e ogni giorno.

Proteggere gli occhi correttamente

Un’altra accortezza che chi porta le lenti a contatto dovrebbe già mettere in atto è indossare gli occhiali da sole. Anche se esistono lenti a contatto con filtro UV, la loro efficacia non sarà mai totale come quella di un buon paio d’occhiali da sole.

Ovviamente è necessario utilizzare occhiali da sole di qualità, meglio se acquistati da un ottico specializzato.

In generale, se il problema persisterà, sarà bene informare lo specialista che ci segue.

Il contenuto di questo articolo è stato letto, corretto e approvato dal referente scientifico, Dr. Raffaele Biello.
Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te