Chi digrigna i denti di notte non se ne accorge, ma questo potrebbe avere effetti sulla salute, ecco come evitarlo

Il digrignamento dei denti – chiamato in termini tecnici bruxismo – è un problema molto comune.

Se al risveglio ci fanno male i denti o la mascella senza che sappiamo darci una spiegazione ragionevole, allora potrebbe trattarsi proprio di bruxismo.

Digrignare i denti di notte lascia molti segni rivelatori, come denti usurati, smalto dei denti con alcune crepe e segni evidenti sulla lingua.

Anche le gengive sanguinanti o i segni di morsi nella zona della lingua e delle guance sono indice che di notte potremmo compiere involontariamente questa azione.

Chi digrigna i denti di notte non se ne accorge, ma la forza che viene messa durante l’azione involontaria, è tanta e la tensione dei muscoli masticatori è elevata. Le conseguenze al risveglio possono essere: mal di testa, ronzio nelle orecchie, vertigini o vista offuscata.

Quali possono essere le motivazioni del digrignamento?

Sono tanti i motivi per cui una persona può ritrovarsi a digrignare i denti di notte: stress, denti disallineati, problemi con le otturazioni o con le protesi dentarie.

Ci potrebbero essere anche disturbi generali con l’articolazione temporo-mandibolare di cui non eravamo a conoscenza.

Una cosa è certa: per smettere di digrignare i denti definitivamente, bisogna comprendere la radice del problema e risolverla. Ma ci sono anche soluzioni a breve termine che alleviano il fastidio.

Chi digrigna i denti di notte non se ne accorge, ma questo potrebbe avere effetti sulla salute, ecco come evitarlo

La misura di primo soccorso per chi soffre di bruxismo è il bite che ha il compito di proteggere i nostri denti e alleviare notevolmente i muscoli della mascella: una vera benedizione. Tuttavia questo rimedio è paliativo e non cambia il problema di fondo, ovvero non arriva alla causa.

Un’altra misura provvisoria per alleviare il fastidio è fare esercizi di rilassamento.

La maggior parte di noi digrigna i denti a causa dello stress. Soprattutto di notte eliminiamo inconsciamente pressioni, preoccupazioni e alcune paure. Se corpo, mente e anima non trovano pace e lasciano segni sui nostri denti, è tempo di cambiare qualcosa.

Che si tratti di yoga (soprattutto se si lavora da casa, gli esercizi diy yoga sono l’iideale), training autogeno, meditazione o rilassamento muscolare progressivo secondo Jacobson, bisogna scoprire il metodo di rilassamento migliore per noi e iniziare a praticarlo.

Anche la fisioterapia rilassa l’apparato masticatorio, anzi è particolarmente efficace contro il digrignamento notturno.

Non solo si va a lavorare direttamente sui muscoli masticatori stessi, ma si contrasteranno le tensioni nella zona del collo e delle spalle con i giusti esercizi. Inoltre, massaggi e trattamenti termici rilassano anche la nostra mente.

Lettura consigliata

Come usare la meditazione trascendentale per dormire meglio e rilassarsi grazie alle tecniche che aiutano a migliorare la concentrazione, la memoria e il benessere psicofisico per liberarsi dallo stress

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te