Che errore madornale sarebbe buttare nell’immondizia le bucce dell’anguria quando potrebbero diventare una marmellata o servire a questi altri scopi

Non c’è nulla di più gioioso di una bella fetta di anguria. Quando troviamo la fetta di anguria sulla tavola, è arrivata l’estate. Ha davvero un gusto fresco e notevoli proprietà nutrizionali. Un piccolo trucco per esaltarne la dolcezza e spargere un pizzico di sale sulla fetta. Sembra incredibile ma il sale serve per annullare le parti amare, esaltando così quelle zuccherine. Oltre alla polpa, però, è possibile utilizzare anche la buccia in questi modi che andremo a passare in rassegna.

Che errore madornale sarebbe buttare nell’immondizia le bucce dell’anguria quando potrebbero diventare una marmellata o servire a questi altri scopi

Con le bucce dell’anguria possiamo preparare una meravigliosa marmellata. In questo caso con uno scavino dovremo separare la parte bianca perché è l’unica che ci servirà. Non la verde.

Ingredienti:

  • 800 grammi di polpa bianca dell’anguria;
  • 130 grammi di zucchero;
  • una punta di cucchiaio di cannella in polvere;
  • succo di mezzo limone;
  • mezza mela.

Ricordiamo prima di iniziare che ci occorreranno anche dei vasetti sterilizzati da riempire con la marmellata che andremo a preparare.

Mettiamo in una pentola la parte bianca che avremo tolto dalla buccia dell’anguria e in seguito lavata. Poi aggiungiamo la metà mela sbucciata e fatta a cubetti. Infine metteremo in pentola, lo zucchero, la cannella ed il succo di limone. Facciamo cuocere per un’ora e mezza a fuoco lento. Se desiderassimo una consistenza più cremosa senza pezzetti di frutta, sarebbe meglio passare il tutto con il mixer.

Ora riempiamo i vasetti con la marmellata ancora calda. Chiudiamo e poi mettiamo a testa in giù a raffreddare. Una volta freddi, sterilizziamo nuovamente mettendo i vasetti a testa in giù in una pentola colma di acqua e facciamo bollire per 30 minuti.

Le bucce come recipiente

Invece di tagliare a fette l’anguria, facciamola a metà. Preleviamone la polpa con l’attrezzo delle palline del gelato. Una volta rimasta solo la parte bianca, passiamola con del succo di limone. Mettiamola nel congelatore. Ora possiamo utilizzare la buccia della metà anguria come contenitore dove mettere le palline di polpa oppure per versarvi la sangria. Ottima presentazione anche per il gelato.

La maschera per il viso

La buccia dell’anguria è particolarmente ricca di potassio e magnesio oltre vitamina A e B6. Sarà quindi perfetta per una maschera rivitalizzante. Dovremo sempre prelevare la polpa bianca da una fetta di anguria e frullarla fino ad ottenerne un succo liquido. A questo punto aggiungeremo un cucchiaio di miele. Le proporzioni dovrebbero essere 1:4. Quattro cucchiai di succo e uno di miele. Applichiamo sul viso e poi risciacquiamo dopo 15 minuti, badando di non spargerla sul contorno occhi. Ricordiamo sempre di fare una prova per eventuali allergie, applicandone una punta su un braccio, prima di procedere. Abbiamo già spiegato come con ingredienti naturali potremmo realizzare una maschera per capelli lisci effetto piastra.

Che errore madornale sarebbe buttare le bucce dell’anguria perché sono utili per diversi utilizzi.

Lettura consigliata

Non sa cosa perde chi butterà i gusci di cozze, vongole, pistacchi e noci perché si possono riutilizzare in questo straordinario modo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te