C’è un fiore tossico che però è forse l’unico a garantirci una meravigliosa fioritura anche in pieno inverno 

Quando andiamo alla ricerca di fiori e piante con cui addobbare balconi e giardini, uno dei primi criteri di scelta dovrebbe essere sempre la tossicità. Soprattutto se tra le mura domestiche abbiamo animali e bambini. Ma, se a casa non abbiamo nessuna di queste due ultime categorie e desideriamo una fioritura perenne, ecco l’idea che fa per noi. C’è un fiore tossico che però è forse l’unico a garantirci una meravigliosa fioritura anche in pieno inverno: l’elleboro. Oppure, possiamo anche decidere di tenerlo in un angolo del nostro giardino, ma protetto da una recinzione che ne impedisca l’avvicinamento. Vediamo comunque con i nostri Esperti le caratteristiche di questa pianta.

Tossica anche per l’uomo

Potremmo definire l’elleboro uno pianta tossica, usando il termine più forte, o, quantomeno irritante. Sia per noi che per gli animali. Visto comunque che stiamo trattando un fiore particolare, preferiamo mettere in guardia i nostri Lettori, dando tutte le informazioni possibili. C’è un fiore tossico che però è forse l’unico a garantirci una meravigliosa fioritura anche in pieno inverno, ma dobbiamo trattarlo coi guanti. Ed è proprio il caso di dirlo, visto che anche solo il contatto diretto con le nostre mani potrebbe procurarci irritazioni e complicazioni alla pelle. Ovviamente è pericolosissimo per gli animali domestici, che mangiando nelle foglie potrebbero letteralmente narcotizzarsi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

È utilizzato in alcune preparazioni erboristiche

Chiudendo il discorso sulla sua pericolosità, ricordiamo comunque che questa pianta, proprio per la sua proprietà narcotizzante, è utilizzata in alcune preparazioni erboristiche. Togliamoci, comunque subito l’idea di fame questo tipo di utilizzo casalingo. L’elleboro, invece per quanto ci riguarda, coltivandolo come splendido fiore:

  • quale pianta selvatica si adatta a qualsiasi clima e tipo di terreno;
  • di conseguenza è facilissimo da manutenere;
  • non ama particolarmente il sole, preferendo l’ombra;
  • ama un terreno bagnato, ma non troppo, quindi cerchiamo di innaffiarlo spesso soprattutto nei mesi caldi;
  • quando invece farà la fioritura invernale, tra novembre e dicembre, la terra dovrà essere appena umida;
  • una concimazione all’anno sarà più che sufficiente.

Approfondimento   

L’incredibile efficacia di questa pianta aromatica del nostro giardino perfetta per la salute dei nostri capelli

Consigliati per te