Brutte notizie e costi aggiuntivi per chi lascia le finestre aperte in questo periodo

Con la bella stagione inevitabilmente arriva anche il caldo. Questo in un certo senso è una cosa molto positiva. Finalmente possiamo andare a fare tutte le passeggiate al parco che vogliamo senza gelare. Possiamo coltivare il nostro orto. Oppure, possiamo organizzare dei bei picnic e starcene beati al sole mentre sgranocchiamo qualcosa. Ovviamente, ricordiamo che tutte queste cose vanno fatte nel rispetto delle norme contro il Covid.

Ma cosa succede quando in casa fa un po’ troppo caldo? Ovviamente, si aprono le finestre, e si fa entrare un po’ d’aria. Ma questa non è sempre una buona idea. Infatti, potrebbero esserci brutte notizie e costi aggiuntivi per chi lascia le finestre aperte in questo periodo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Il problema da non sottovalutare

Premettiamo una cosa: arieggiare un po’ la casa resta una buona idea. Soprattutto in città, cambiare aria permette di ridurre un po’ l’inquinamento intrappolato nell’abitazione. Quindi non è assolutamente il caso di smettere del tutto di aprirle.

Però può succedere una cosa sgradevole se si lasciano troppo a lungo aperte. Esse riducono infatti l’efficienza energetica dell’edificio, rendendolo meno isolato termicamente. Questo è un problema soprattutto se abbiamo ancora il riscaldamento acceso.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Perché ci può costare dei soldi

Una cattiva efficienza energetica si vede sotto due aspetti. Innanzitutto, si inquina di più. Uno degli obiettivi più importanti per chi sostiene la transizione ecologica è proprio rendere più efficienti gli edifici. Essi, infatti, causano delle importanti emissioni di anidride carbonica, un agente inquinante che conosciamo bene.

Ed ovviamente, maggiori consumi significano una bolletta più salata. Questo sarebbe un serio smacco per coloro che pensano di pagare finalmente di meno di riscaldamento con l’arrivo della primavera.

Quindi, qual è la soluzione? L’ideale sarebbe arieggiare per pochi minuti, aprendo tutte le finestre, e poi richiudere. In tal modo si evita che il calore si disperda troppo, e questo porta a meno emissioni e bollette più leggere.

Brutte notizie e costi aggiuntivi per chi lascia le finestre aperte in questo periodo. Prendiamo le giuste precauzioni per evitare problemi, non ci vuole molto per fortuna.

Consigliati per te