Attenzione al fumo del camino perchè può essere mortale

La fiamma scoppiettante dà calore e crea clima familiare nei pomeriggi autunnali. Ma occorre fare attenzione al fumo del camino perché secondo gli esperti può essere mortale.

Infatti il legno che brucia produce particelle di carbonio che possono inquinare l’aria dell’abitazione. Alcuni studi pubblicati sull’autorevole Daily Mail rivelano che un camino acceso potrebbe creare un ambiente inquinato. Paragonabile quasi a quello prodotto da una miniera.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 50% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Un altro studio pubblicato dall’Università di Lancaster sostiene che il legno che brucia può emettere addirittura micro particelle di magnetite. Ovvero una tossina che potrebbe essere responsabile dell’insorgere dell’Alzheimer.

Non vogliamo essere così pessimisti. Ma più realisti.

Esiste, ovviamente, il modo per godersi il camino in totale sicurezza. Intanto, per ovvie ragioni, è bene non tenere il camino accesso durante la notte. E soprattutto in camera da letto. Se, infatti, dovessero davvero verificarsi situazioni di non salubrità dell’aria durante il sonno sarebbe pressoché impossibile accorgersene.

Attenzione al fumo del camino perchè può essere mortale

Di giorno, intanto, si suggerisce di aprire periodicamente la finestra della stanza in cui il camino è collocato. In questo modo si possono eliminare le eventuali particelle nocive. Anche senza gli studi allarmistici, di cui sopra, aprire le finestre è sempre buona norma. E ciò in quanto un fuoco acceso consuma comunque anche ossigeno. Quindi l’aria nella stanza ha bisogno, in ogni caso, di essere cambiata. E, ovviamente, anche ossigenata.

Pulire periodicamente la canna fumaria

Altre norme di sicurezza riguardano la possibile propagazione di incendi. Occorre assolutamente evitare, cioè, che dal camino fuoriescano scintille. Quindi è necessario far pulire la canna fumaria. E quest’operazione deve essere eseguita periodicamente. Almeno una volta l’anno. E ciò al fine di evitare il residuo. Ma non solo. Anche quegli accumuli di fuliggine che impedirebbero al camino di funzionare correttamente.

È bene, poi, accertarsi che intorno al camino non vi siano materiali infiammabili. Soprattutto se il camino è di quelli aperti. Ovvero sprovvisto, nell’area frontale, di vetro protettivo.

Con questi accorgimenti sarà possibile godere appieno della bella atmosfera che il camino sa creare. Anche abbattendo l’inquinamento da PM10. Il camino, infatti, se usato male, produce inquinamento da polveri sottili.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te