Ad aprile possiamo già seminare questo deliziosissimo frutto che ci permetterà di fare il pieno di antiossidanti e vitamine in estate

La primavera è finalmente arrivata e molte persone stanno già approfittando delle belle giornate per fare qualche lavoretto nell’orto. In questo periodo si possono seminare e trapiantare tantissimi ortaggi, come carote, carciofi e patate; ma anche tantissima frutta. In quest’ultima categoria rientrano ad esempio i pomodori, le fragole e anche le buonissime angurie, che analizzeremo più nel dettaglio in questo articolo. Infatti, tra poco andremo a scoprire quali sono le proprietà ed i benefici dell’anguria e quali siano i passaggi iniziali per la semina.

Un frutto importante per la salute

Disponibile in Italia da giugno fino ad agosto, l’anguria è la protagonista indiscussa dell’estate. Oltre ad essere dolce ed estremamente dissetante, essa gode anche di tantissime proprietà benefiche. Infatti, come riporta l’Istituto Humanitas, questo frutto è composto per il 95% di acqua e contiene pochissime calorie, appena 16 per ogni 100 grammi.
L’anguria, inoltre, è una fonte inesauribile di:

  • licopene, una sostanza naturale appartenente al gruppo dei carotenoidi, che apporterebbe numerosi benefici all’apparato cardiovascolare e alle ossa;
  • citrullina, un aminoacido che nell’organismo viene convertito in arginina, alleata anch’essa della salute cardiovascolare;
  • composti fenolici (come flavonoidi e carotenoidi) che, insieme alla vitamina C, offrirebbero una protezione antinfiammatoria e antiossidante.

Ad aprile possiamo già seminare questo deliziosissimo frutto che ci permetterà di fare il pieno di antiossidanti e vitamine in estate

La coltivazione dell’anguria in genere comincia tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, quando le temperature iniziano ad alzarsi e le piogge diminuiscono. Nel sud Italia, ad esempio, il periodo migliore per seminare l’anguria è proprio tra aprile e marzo. Al Nord, invece, tra fine aprile ed inizio maggio.

Per crescere al meglio, la pianta di cocomero ha bisogno di un terreno a medio impasto, ben drenato e ricco di sostanze organiche. Prima di iniziare con la semina, infatti, bisognerebbe concimare il terreno con fertilizzante a base di potassio e fosforo. In alternativa, si può utilizzare dello stallatico, oppure l’ottimo humus di lombrico pellettato. Quindi, ad aprile possiamo già seminare l’anguria, interrando i 5 o 6 semi in postarelle di 8 o 12 cm e profonde 5.

Durante il periodo di maturazione, bisognerà invece effettuare dei diradamenti, sradicando alcune piantine e favorendo lo sviluppo delle altre. In questo frangente sarà utile anche una pulizia delle erbe infestanti. Per quanto riguarda l’innaffiatura, invece, è fondamentale non esagerare ed evitare ristagni idrici. Per questo motivo, bisognerà dilazionare la quantità di acqua, anche in base alle condizioni climatiche.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te