5 rimedi che potremmo usare in caso di cattiva digestione per sentirsi subito meglio senza medicinali

digerire

Non riuscire a digerire correttamente è un problema molto diffuso tra le persone. Crea parecchio fastidio, malessere, e un vero e proprio senso di disagio nella vita di tutti i giorni.

Quando la digestione non funziona a dovere, i sintomi sono sempre gli stessi. Eruttazione, senso di gonfiore e tensione allo stomaco, nausea e, persino, sonnolenza.

Basta far caso a quando ciò ci accade, per capire che il problema potrebbe presentarsi soprattutto dopo alcune situazioni. Stiamo parlando, ad esempio, di quando si consumano pasti abbondanti o esagerati, tendenzialmente costituiti da cibi pesanti e molto conditi. Ma potrebbe accadere anche a seguito di una masticazione veloce e sbrigativa, in concomitanza di periodi stressanti, o in conseguenza al consumo di bevande gassate o troppo zuccherate.

Tutti questi fattori appesantirebbero il processo di digestione, un meccanismo assai complesso, che coinvolgerebbe diverse funzioni. Per porre rimedio a questo problema, la prima cosa che dovremmo fare sarebbe quella di chiedere consulto al proprio medico. La cattiva digestione, infatti, potrebbe dipendere anche da allergie, intolleranze o problemi più seri.

In generale, però, ecco quali sarebbero alcune delle soluzioni più utili per migliorare il fastidioso problema.

Indice dei contenuti

5 rimedi che potremmo usare in caso di difficoltà a digerire per sentirsi meno gonfi e appesantiti in poco tempo

Prima di tutto, sarebbe importante conoscere la causa alla base della cattiva digestione. In linea di massima, però, potrebbero aiutare alcuni rimedi semplici e naturali, soprattutto se il problema non dipendesse da una patologia organica. Esisterebbero, infatti, delle buone abitudini da seguire per rendere meno pesante la problematica.

L’alimentazione e lo stile di vita sarebbero due fattori fondamentali ai fini di una buona digestione. Ecco perché bisognerebbe scegliere con attenzione gli alimenti migliori, evitando quelli potenzialmente dannosi.

Oltre a questo, bisognerebbe curare attentamente il modo di mangiare. Sarebbe, infatti, importante masticare lentamente, evitando così di inghiottire troppa aria, che potrebbe farci sentire gonfi e appesantiti.

Tisane, caramelle e altri metodi

Per aiutare la digestione in modo naturale, si potrebbero sfruttare i benefici di alcune bevande, e non solo. Per alleviare tensione e fastidi allo stomaco, infatti, sarebbero di grande aiuto alcune tisane alle erbe, come tiglio, melissa e camomilla. Queste ultime, infatti, avrebbero proprietà calmanti e distensive, che favorirebbero il rilassamento dei fastidi addominali.

Altrimenti, un altro rimedio semplice per alleviare il fastidio potrebbe essere l’assunzione di caramelle o pastiglie omeopatiche. Anche queste sarebbero a base di erbe, come la genziana e il rabarbaro.

La tisana all’estratto di genziana, infatti, favorirebbe la digestione, ed eviterebbe la formazione di gas intestinali o aria nella pancia. E non dimentichiamo che, tra le tisane, ne esisterebbe anche una particolarmente utile per il benessere del fegato.

Il rabarbaro, invece, sarebbe utile anche nel trattamento della stitichezza. Per questo è molto utilizzato per preparazioni erboristiche, molto richieste soprattutto in caso di problemi di regolarità intestinale. Questi 5 rimedi che potremmo usare in caso di digestione faticosa potrebbero aiutarci ad alleviare i nostri fastidi, e a sentirci decisamente meglio. Si ricorda, però, che un uso eccessivo del rabarbaro potrebbe procurare un ulteriore problema, dando effetto lassativo.

Il contenuto di questo articolo è stato letto, corretto e approvato dal referente scientifico, Dr. Raffaele Biello.
Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te