Vecchie creme solari, scopriamo se si possono ancora usare le creme dell’anno precedente ed essere ancora efficacemente protetti

La vecchia crema solare della scorsa estate ci sembra ancora buona. Ma la protezione UV è ancora attiva? Proteggerà la nostra pelle? In molte famiglie, alla fine dell’estate, avanza della crema solare. Le bottiglie semipiene spesso trascorrono l’inverno nell’armadio del bagno.

Ma si può usare questa crema l’estate successiva o sarebbe meglio buttarla via? Purtroppo esiste il rischio che la protezione dai raggi UV non sia più adeguatamente garantita. Scendiamo nei dettagli.

Vecchie creme solari, scopriamo se si possono ancora usare le creme dell’anno precedente ed essere ancora efficacemente protetti

Chiunque applichi la protezione solare lo fa per evitare le scottature, ma è possibile utilizzare anche la vecchia protezione solare dell’anno precedente? Se la crema solare è stata aperta solo per pochi mesi, non bisogna preoccuparsi. Se si applica la protezione solare nei primi giorni caldi di fine aprile, di maggio o di settembre, anche una vecchia crema può andare bene.

Ma con il forte solleone di agosto, potrebbero non proteggere adeguatamente. Molte bottiglie di crema solare hanno una data di scadenza stampata sulla confezione.

Di norma la durata è 30 mesi dalla data di produzione, ma il numero fa riferimento alla confezione chiusa. Una volta aperta, invece, si può utilizzare tranquillamente per dodici mesi.

Cosa fare di quelle scadute?

Per capire se sono ancora utili le vecchie creme solari, scopriamo se si possono ancora usare dopo la scadenza. Come abbiamo anticipato, secondo i produttori, dopo 12 mesi dall’apertura la crema solare non è utilizzabile.

Ma la protezione UV non scompare immediatamente all’arrivo della data di scadenza.

Tuttavia il potere di protezione può diminuire. Ciò è dovuto all’ossigeno che entra e che può alterare gli ingredienti. Inoltre, le creme solari con all’interno la sostanza discutibile ottocrilene, può trasformarsi in benzofenone, che è cancerogeno, se conservate per lungo tempo.

L’octocrilene è un filtro UV chimico, si consiglia pertanto di utilizzare filtri solari organici minerali.

In generale, però, dovremmo gettare la crema dell’anno precedente se è stata esposta a grande calore, ad esempio se dimenticata per ore nella borsa da spiaggia, magari sotto il sole.

A proposito: la crema solare organica minerale non contiene sostanze chimiche indesiderate ed è quindi adatta anche a donne in gravidanza, madri e bambini piccoli. Ecco perché è importante non esporre la protezione solare al calore e conservarla al fresco. Il frigorifero è il luogo ideale. E scegliere sempre tra le migliori in commercio.

In conclusione: la crema con protezione solare può durare a lungo, soprattutto se viene conservata correttamente.

Affinché la protezione UV sia ancora utile l’anno successivo, non bisognerà esporla troppo al calore. Tuttavia se abbiamo dubbi ragionevoli, sarà meglio andare sul sicuro e acquistarne una nuova.

Lettura consigliata 

Ecco come riciclare o smaltire le creme solari scadute facendo attenzione a questa scritta riportata sulla confezione

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te