Una nuova recessione alle porte: il mondo post coronavirus

C’è una nuova recessione alle porte.  Il quadro politico ed economico sta rendendo evidente la vulnerabilità di Paesi portando ad una nuova recessione le aziende che dipendono fortemente da un numero limitato di partner commerciali. Pertanto, le catene di approvvigionamento globali sono destinate ad un’importante ristrutturazione.

Già dopo l’imposizione dei dazi durante la guerra commerciale cino-americana molte aziende avevano iniziato a diversificare le loro catene di approvvigionamento dalla Cina, ma ora il processo subirà una forte accelerazione. La Cina contribuisce al 20% del PIL mondiale e gran parte della crescita proviene dagli investimenti esteri. Tali investimenti sono stati destinati prevalentemente al settore manifatturiero. Molti di questi sono ora in brusca inversione poiché le aziende stanno guardando ai rischi delle loro catene di approvvigionamento, in particolare quelli di aree strategiche come la tecnologia e la farmaceutica.

Cosa teme il mondo?

Di fronte al rapido avvicinarsi di una nuova recessione alle porte, il mondo post coronavirus sta temendo gli effetti del blocco della catena di approvvigionamento. E gli investitori hanno iniziato a vendere in massa i titoli azionari, innescando una nuova crisi finanziaria a 12 anni di distanza dalla crisi del 2008.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Cosa complica il quadro?

A complicare ulteriormente la situazione contribuisce il crollo dei prezzi del greggio. Determinante è stata la contrazione della domanda che è seguita al blocco degli spostamenti, imposto in vari Paesi per contenere la diffusione dell’epidemia. Il mercato, pertanto, che già soffriva a causa dell’eccesso di produzione e della progressiva riduzione della domanda, è stato messo ulteriormente sotto pressione dal coronavirus.

Come se questo non bastasse, Arabia Saudita e Russia hanno ingaggiato una guerra dei prezzi iniziando ad aumentare la produzione. La guerra dei prezzi sembra, in realtà, soltanto apparente. Infatti, entrambi i Paesi possono sostenere quotazioni veramente basse, inferiori ai $20 il barile. Ad essere danneggiati sono, invece, i produttori statunitensi, i quali non possono permettersi prezzi inferiori ai $50 il barile.

La guerra dei prezzi, pertanto, sembra mirare a scatenare un’ondata di fallimenti e di tagli agli investimenti negli Stati Uniti, con un impatto evidente sulla produzione di scisto. Tutto quindi continua a portare a una nuova recessione alle porte.

Approfondimento

FED riduce i tassi a zero

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.