Un rametto e queste soluzioni riempiranno il giardino di piante e fiori in economia

La riproduzione per talee è un metodo di moltiplicazione di specie vegetali economico. La Redazione ha spiegato in questo precedente articolo cos’è l’ormone radicante e come produrlo autonomamente con l’infuso di parti del salice piangente. Oggi torna sul tema, fornendo ai Lettori molti altri modi di far spuntare le radici a piante di ogni tipo. Un rametto e queste soluzioni riempiranno il giardino di piante e fiori in economia, grazie a questi ormoni radicanti fai da te.

Un ingrediente presente in ogni dispensa

Il primo modo di realizzare un prodotto radicante comodamente a casa è l’impiego dell’aceto di mele. Grazie agli oligoelementi contenuti al suo interno, l’aceto di mele stimola la crescita delle radici ed è perfetto per la riproduzione per talee.

Consigliamo di mescolare circa 45 millilitri di aceto di mele per ogni litro d’acqua. Suggeriamo d’intingere il rametto di pianta da riprodurre in questo infuso e lasciare la talea all’interno per almeno 10 o 12 ore prima di piantarla.

Direttamente dalla cosmesi

Il gel di aloe vera ha saputo conquistare tutto il campo della cosmesi, diventando un vero toccasana per tutta una serie di problematiche. Questo prodotto naturale ha però un altro importante vantaggio: facilita la formazione delle radici ai rami prelavati da una pianta. Basterà estrarre il gel d’aloe da una foglia adulta e piena con l’aiuto di un cucchiaio.

Poi, frullare leggermente il gel per portarlo a una consistenza più liquida. Il gel d’aloe possiede già al suo interno una buona percentuale d’acqua. Non servirà allora nient’altro che intingere il ramo di talea direttamente nel gel frullato per almeno 10 ore. Un rametto e queste soluzioni riempiranno il giardino di piante e fiori in economia, ma ne manca ancora uno.

Una spezia portentosa

L’ultimo prodotto radicante fai da te è una spezia: si tratta delle cannella. In quest’ultimo caso consigliamo di tracciare una linea orizzontale a circa 3 o 4 centimetri dalla fine del ramo. Privare, allora, quest’estremità finale dello strato esterno di corteccia.

All’interno quasi ogni pianta presenterà uno strato più morbido e bianco. A questo punto, intingere questa parte finale nella cannella in polvere, per la stessa durata prima indicata. Questi rimedi consentiranno di avere un giardino bellissimo senza spendere un occhio della testa.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te