Un racconto travolgente, in questo libro saremo proiettati in uno scenario futuristico straordinario

leggere

Chi di noi non possiede in casa un angolo dedicato alla lettura. Le giornate con libro in mano volano. Questo perché in un libro sono raccolte mille emozioni differenti. La libreria è un’agenzia turistica di cui ogni libro è un biglietto da viaggio. La lettura può far riflettere, emozionare, ma soprattutto fantasticare. Un racconto travolgente narrato in un libro, ci può far proiettare in un futuro inaspettato. L’incognito può far paura, ma anche intrigare. Il futuro è un grande interrogativo a cui tutti cercano risposta. Questo libro ci rivelerà cosa potrebbe accadere tra circa ottanta anni sulla Terra.

Il nostro destino sulla terra

I cambiamenti climatici, una società sempre più digitalizzata e individualizzata, a cosa potrebbero portare. La vita frenetica spesso ci porta ad osservare poco i cambiamenti attorno a noi. Tuttavia a ricordarci cosa succede, sono fenomeni climatici avversi. La natura poco rispettata negli anni, è diventata ostile nei nostri confronti. La nostra società non è più quella di un tempo. Propensi a perseguire il proprio utile, non ci fermiamo. La vita frenetica ci ha resi meno sensibili, anche nei confronti delle persone vicine a noi. Tutte queste circostanze dove ci condurranno in futuro? Non lo sappiamo o forse preferiamo non immaginare. A questo ha pensato lo scrittore Claudio Secci, autore del libro “Il supervisore dei suicidi”.

Un racconto travolgente, in questo libro che ci proietta su un altro Pianeta

Il libro ci proietta nell’anno 2109, quando una catastrofe mondiale costringe gli umani ad abbandonare la Terra per raggiungere un nuovo Pianeta. Il piccolo Pianeta di KB34 fortunatamente è abitabile, anche se già colonizzato. Infatti mentre gli umani si insediano nella zona Sud, l’altra parte è abitata da Magnus0. La zona ambita dagli umani perché ricca di risorse è la zona Nord. Il dominio di questa parte del Pianeta permetterà agli umani di continuare a vivere. L’ostacolo è Magnus0, ovvero un androide cognitivo ribelle fuggito nel 2098. Questo androide non è solo, ma ha un esercito di robot a suo comando. Le materie prime necessarie al sostentamento degli uomini, sono quasi terminate nella regione Sud. Da qui l’esigenza di conquistare l’altra parte del Pianeta.

Gli uomini vivono come robot

Il protagonista del libro è Lewis Harper, un uomo sopravvissuto al disastro ambientale sulla Terra. Attraverso lui, scopriremo un futuro inaspettato, dove non c’è spazio per i sentimenti. L’uomo qui diventa un numero. Il numero dei suicidi è pauroso, gli umani non sostengono la lontananza dal loro Pianeta. La perdita degli affetti e della vita di tutti i giorni sconforta. Non c’è più nulla di familiare, neanche sapori e profumi. Nell’attesa estenuante di tornare sulla Terra, gli uomini vivono sotto una dittatura militare. Come in tutte le dittature, non c’è libertà, neanche di dialogo.

Gli uomini vivono come robot e i robot potrebbero addirittura essere più umani di loro. In questo scenario il protagonista Lewis, viene incaricato di diventare un operatore speciale. Un Supervisore dei suicidi. Lo scopo è quello di cercare di prevenire  i tentativi di suicidio degli umani. Nel frattempo la guerra contro i Magnus0 procede. Per scoprire quale sarà il destino degli umani basterà leggere questo libro. Una riflessione sulla nostra condotta in una società dove il rispetto per gli altri e per l’ambiente va lentamente scomparendo.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te