Tutti i segreti per asciugare liberamente i capelli all’aria evitando onde o effetto crespo e senza utilizzare l’asciugacapelli

Con l’arrivo dell’estate ci si sente tutti più liberi anche di fare ciò che in inverno sembra quasi impossibile. Così, andando al mare o tuffarsi in piscina, si resta con i capelli bagnati. Si approfitta del sole per poterli asciugare liberamente all’aria aperta. La sensazione di libertà che dona l’asciugatura naturale è qualcosa di irrinunciabile. Tuttavia, molti la evitano per timore dell’effetto crespo o ondulato.

Certo che usare l’asciugacapelli quando fa molto caldo richiede una buona dose di coraggio. Inoltre, se fosse possibile risparmiare in questo periodo di crisi energetica, sarebbe una mossa appropriata. Inoltre, si rischia di sfibrare e rinsecchire i capelli. Allora perché non provare a rinunciare all’uso dell’asciugacapelli o peggio ancora della piastra. Si potrebbe, così sfruttare il caldo naturale del sole. Certamente, asciugando i capelli in modo naturale, un certo effetto ondulato lo si produce. Tuttavia, un piccolo segreto della nonna esiste ed è molto valido. Ecco allora tutti i segreti per asciugare liberamente i capelli senza asciugacapelli.

Consigli imperdibili

Intanto è meglio evitare qualche azione sui capelli, che invece di aiutarli potrebbero farli soffrire. Proprio durante la stagione calda si sente molto più spesso la necessità di lavare i capelli. Per la maggior parte delle persone, lavare i capelli significa allo stesso tempo utilizzare lo shampoo. Eppure le due cose di per sé non vanno sempre insieme.

Lo shampoo, infatti, è ricco di sostanze tensioattive, che tendono ad eliminare qualsiasi presenza di grasso sul cuoio capelluto e sui capelli. Tuttavia, sono sostanze che in qualche modo aggrediscono la struttura del capello. Per questo motivo è sconsigliato l’uso dello shampoo, ogni volta che si lavano i capelli.

Tutti i segreti per asciugare liberamente i capelli all’aria evitando onde o effetto crespo e senza utilizzare l’asciugacapelli

Il cuoio capelluto ha assolutamente bisogno del suo strato naturale di grasso. Senza di esso tutta la struttura della capigliatura si indebolisce. Inoltre, è meno protetta dagli agenti esterni e dai batteri. Per questo motivo è consigliabile lo shampoo una volta alla settimana.

Tutte le altre volte che si vogliono lavare i capelli, basterà semplicemente utilizzare l’acqua tiepida. Questa lavora bene togliendo la sporcizia accumulata tra i capelli ed eliminando il grasso in eccesso.

Esiste un segreto delle nostre nonne, per non avere i capelli crespi oppure ondulati, a fine lavaggio. Dopo aver lavato i capelli con o senza shampoo, si tamponano con un asciugamano pulito e asciutto. Se volessimo  togliere una maggior quantità d’acqua, metteremmo da parte l’asciugamano in spugna. Potremmo utilizzarne una in microfibra. L’importante è non frizionare i capelli. Se lo facessimo, sarebbe impossibile non ottenere dei capelli ondulati e ribelli una volta asciugati all’aria.

Tuttavia, le nostre nonne dopo il risciacquo dello shampoo, applicavano un po’ di aceto di mele sui capelli. Il suo effetto è davvero straordinario e, non a caso, lo utilizzano anche i grandi parrucchieri. Infatti, l’aceto di mele leviga le cuticole e dona lucentezza ai capelli. In questo modo aiuta anche a ridurre l’effetto crespo. Certamente un prodotto naturale, per un’asciugatura dei capelli altrettanto naturale.

Ultimo consiglio per evitare ondulazioni. Non utilizzare la spazzola per districare i capelli, ma un pettine a denti larghi.

Approfondimento

Dire addio alla forfora per sempre e senza rimpianti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini dei nostri lettori nell'utilizzo degli strumenti, degli ingredienti e dei prodotti per la cura della persona. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con gli strumenti, ingredienti e prodotti normalmente utilizzati per la cura della persona e il make up. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te