Tre tipi di mais. Quale aliquota IVA applicare per la vendita

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito quale aliquota IVA applicare per la vendita del mais. La commercializzazione del mais avviene su tre linee: trinciato, insilato e pastone. Il compito di ProiezionidiBorsa non è solo di rivolgersi ad addetti ai lavori ma anche a chi è un neofita. Prima di addentrarci nell’aliquota da applicare per la vendita del mais è bene spiegare il significato di trinciato, insilato e pastone.

I tre tipi di mais

Il mais trinciato si intende il cereale che durante la raccolta viene sminuzzato. Il prodotto si ottiene dalla trinciatura della pianta quando la spiga è in fase di maturazione. Il mais insilato è un cereale trattato attraverso un processo fermentativo anaerobico in modo da conservare le qualità nutritive di origine. Il raccolto viene sigillato con film plastico e appesantito con materiali diversi. L’umidità trattenuta consente i processi di fermentazione e acidificazione.  Infine c’è il pastone di mais, formato da granella, tutolo e una parte di brattee. Questo tipo di mais si ottiene dalla trinciatura della pannocchia. In questo caso abbiamo due tipi: pastone integrale che contiene granella, tutolo e brattee. L’altro pastone è solo di granella che viene ridotto in farina e insilato per evitare l’ossidazione.

Che aspetti? Scopri il trading coi CFD con iBroker
con una demo gratuita con dati in tempo reale e perfettamente funzionante

Provala subito!

Chiarito i tre tipi di mais vediamo quale aliquota applicare per la vendita. L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è venuta in soccorso. L’Ente ha chiarito che va applicata l’aliquota IVA del 10% per tutti i tipi di mais. Il mais rientra tra prodotti di origine vegetale del genere di quelli utilizzati per la nutrizione degli animali.

Il valore

Il mais è una fonte di energia e di fibra indispensabile per i capi allevati nella zootecnia. La panoramica sul mercato vede uno spunto rialzista  per il  derivato sul grano, che guadagna bene e porta a casa un  +0,91% nella prima parte della settimana post Ferragosto. Prepotente  rialzo  per il  mais, quindi, con una salita del  5,44%. A prescindere dal valore sui mercati, una cosa è certa per la vendita del mais: sappiamo quale aliquota IVA applicare.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te