Svelato il trucco geniale per capire realmente quando vanno annaffiate le orchidee

L’orchidea è una delle piante preferite se si vuole fare un regalo ad una persona amata. Dalla bellezza sconfinata e dai diversi colori, si fa sempre un figurone. E in più, rispetto al classico mazzo di fiori, dura nel tempo. Anche se non necessita di troppe cure, è sempre difficile farla rifiorire. Spesso dopo aver perso fiori e boccioli tende a seccarsi o a ingiallire. E siamo costretti a buttarla via. Ma in genere il motivo per cui l’orchidea non riesce a rifiorire sta tutto nell’innaffiatura. Se si sbagliano i tempi si rischia di farla morire. Oggi noi dello Staff di ProiezionidiBorsa sveleremo il segreto per capire quando innaffiarla.

Svelato il trucco geniale per capire realmente quando vanno annaffiate le orchidee

Le orchidee si sa hanno bisogno di luce e di un ambiente umido al punto giusto. Non devono essere messe sotto la luce diretta perché sono molto delicate e si rischia che secchino subito. Ma non devono stare neanche in un luogo buio, altrimenti moriranno in fretta. A differenza della maggior parte delle piante in vaso, non hanno il classico terriccio. Ma sono piantate in argilla, fibra di osmunda, cortecce varie. E questo è uno dei motivi per cui ci sembra più difficile capire ogni quanto innaffiarle.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Ma ogni quanto vanno innaffiate?

Sicuramente un fattore da considerare è l’ambiente in cui teniamo l’orchidea. Riesce a sopravvivere meglio in ambienti più umidi e soleggiati. La frequenza di innaffiatura dipende molto dalla specie di orchidea. Ma normalmente le indicazioni sono ogni 10 giorni circa. Alternando la nebulizzazione delle foglie 2 volte a settimana. Ma come capire se è il momento giusto? Basterà infilare un dito nel terriccio. Facendo attenzione a non rovinare le radici, ovviamente. Tocchiamo con il dito il terriccio, se è secco o poco umido è il momento di innaffiare. Meglio farlo a metà mattinata dopo che avrà assorbito l’umidità mattutina. Se invece al tatto risulta ben idratato, bisogna aspettare.

Ecco svelato il trucco geniale per capire realmente quando vanno annaffiate le orchidee. Ora che sappiamo ogni quanto innaffiarle e come controllare, la nostra orchidea avrà una vita lunga. Mi raccomando, è bene ricordare che il modo migliore di innaffiarla è metterla a bagno. Per circa 30 minuti e poi farla sgocciolare e farla asciugare all’aria.

Approfondimento

Molti rimangono incantati di fronte alla bellezza di quest’orchidea facilissima da coltivare.

Consigliati per te