Si rivolge a questi titolari del reddito di cittadinanza il bando dei 75 tirocini retribuiti 600 euro mensili  

Abbiamo già visto quali sono i termini e i requisiti per partecipare ai tirocini offerti dal Comune di Gorizia, in Friuli Venezia Giulia. In questa sede ci occuperemo di un’analoga iniziativa adottata dal Comune di Messina, in Sicilia.

L’Amministrazione comunale, infatti, ha attivato 75 tirocini di inclusione sociale, retribuiti e della durata di 12 mesi. Ricordiamo che si tratta di un percorso di orientamento, formazione e re/inserimento finalizzato all’inclusione sociale e lavorativa.

Si rivolge a questi titolari del reddito di cittadinanza il bando dei 75 tirocini retribuiti 600 euro mensili

I tirocini si svolgeranno presso aziende private profit e no profit e del Terzo settore o presso studi professionali e/o altri operatori locali.

I beneficiari dei tirocini sono i titolari del reddito di cittadinanza (RdC) residenti nel Comune isolano. Inoltre deve trattarsi di cittadini disoccupati che abbiano sottoscritto un Patto di Servizio presso il CpI (Centro per l’Impiego) territoriale competente. Oppure che siano in attesa di essere convocati dal CpI per sottoscriverlo o che siano in attesa di sottoscriverlo. Inoltre occorre non essere inseriti in altri progetti formativi e/o lavorativi e/o borse di lavoro per tutta la durata del tirocinio.

Pertanto, si rivolge a questi titolari del reddito di cittadinanza l’avviso di selezione della Città di Messina. La domanda di partecipazione, infine, è riservata a un solo componente del nucleo familiare, pena l’esclusione di tutti.

Termini e modalità di inoltro delle istanze

Gli interessati dovranno compilare l’istanza secondo il modello disponibile in rete sul portale del Comune di Messina.

Alla domanda (stampata e firmata) andranno allegati la copia di un documento di riconoscimento e il modello ISEE, entrambi in corso di validità. Ancora, la dichiarazione di sottoscrizione del Patto di Servizio o dichiarazione di presa in carico da parte dei Servizi Sociali. Vanno altresì allegate eventuali certificazioni comprovanti le competenze informatiche e/o professionali. Infine, quelle riguardanti l’eventuale invalidità dei componenti il nucleo familiare.

Le istanze vanno presentate all’URP della sede municipale, per la protocollazione. Il termine ultimo per la consegna è fissata al 17 aprile 2022.

Sempre in tema di scadenze ricordiamo che entro il 14 aprile ci si può candidare per i 45 posti di lavoro offerti da ARPAL Puglia.

Graduatoria finale e durata dei tirocini

La procedura di ammissione prevede la stesura di una graduatoria finale tra chi presenterà l’istanza e risulterà in possesso dei requisiti. L’avviso prevede una scala di punti assegnati a parametri quali l’ISEE, il nucleo familiare, lo stato di disoccupazione, l’età e la condizione abitativa.

La durata dei progetti è pari a 12 mesi ed ogni tirocinante sarà impegnato per 20 ore settimanali, non più di 8 ore al giorno. I tirocini sono retribuiti 600 euro al mese.

In chiusura invitiamo i Lettori interessati a prendere visione integrale dell’avviso per sciogliere tutti gli eventuali dubbi.

Approfondimento

Ecco 8 Province che offrono un lavoro stabile nel pubblico impiego, ideale per chi intende lavorare a due passi da casa.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te