Si può pagare a rate con il bancomat? Non tutti lo sanno

Il mercato dei consumi è in costante aumento in coerenza con lo sviluppo di sempre maggiori marketplaces . Uno su tutti, Amazon.

L’evoluzione, di pari passo, dei sistemi di pagamento digitali hanno semplificato lo scambio di beni e servizi. I pagamenti digitali consentono di trasferire in regime di sicurezza, dopo l’identificazione, somme di denaro “just in time“. Ciò presuppone che ci siano sempre i fondi disponibili sul conto.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Se il consumatore in quel preciso momento non ha la disponibilità, come può fare? Si può pagare a rate con il bancomat? Non tutti lo sanno.

Noi di ProiezionidiBorsa, quest’oggi, ci siamo chiesti se è possibile e come fare. Tradizionalmente per pagare un bene o un servizio a rate viene richiesto un prestito al consumo. La banca o la finanziaria, ricevono la domanda corredata dai documenti di reddito e effettuano le verifiche del caso.

Dopo un lasso di tempo variabile, concedono la somma o rifiutano. Successivamente il richiedente firma il contratto. Questo descritto è un pagamento a rate off-line.

Le tante aziende fintech e le normative PSD hanno favorito la nascita di forme ibride di pagamento

Normalmente l’unica carta che consente il pagamento rateale è la carta di credito revolving. Il bancomat, invece è, e rimane una carta di debito. Si può pagare a rate con il bancomat? Non tutti lo sanno.

Ebbene, la risposta è affermativa. Esistono alcune società finanziarie fintech che hanno sviluppato delle applicazioni che si integrano con i POS. Così che, al momento del pagamento, il cliente, utilizza il bancomat.

La somma pagata non viene addebitata tutta in un’unica soluzione, ma ratealmente. In pratica, la carta di debito è solo un mezzo attraverso cui si indirizzano i dati del conto corrente. Questo descritto è un pagamento a rate on-line.

La procedura è semplice e veloce

Al momento del pagamento con i dati del bancomat, rilevati dal POS, e il codice fiscale, si inviano tutti i dati necessari. Automaticamente avverrà la verifica nelle banche dati e, in pochi secondi, se nulla osta, viene creato l’ordine rateale. Il contratto si conclude inserendo sul terminale POS un codice (OTP) precedentemente inviato via sms al cliente.

Chi può attivare questa procedura? Chiunque abbia un conto corrente e un bancomat.  Quali sono i vantaggi? Zero costi e interessi, tempi di concessione rapida e nessuna presentazione di documenti di reddito.

Approfondimento

Le cose che tutti dovrebbero sapere per ottenere velocemente un mutuo

 

Consigliati per te