Sarebbe questo il costo giusto di una pizza tonda Margherita o capricciosa nelle pizzerie

Si è sollevato un vero e proprio dibattito sulla pizza dopo la vicenda della pizza al Pata Negra venduta a 65 euro l’una. E contro le cosiddette “pizzerie gourmet” si schierano i pizzaioli del popolo. Quelli che hanno la ferma convinzione che la pizza debba essere un alimento nazionalpopolare alla portata di tutti. Sia dei ricchi che dei poveri. In questo frangente ci siamo chiesti, quindi, quale debba essere il prezzo a cui una pizza viene venduta. E abbiamo valutato diversi aspetti, dagli ingredienti al personale, dalle tasse alla location. Ed il risultato è davvero incredibile visto che quello che realmente mangiamo inciderebbe pochissimo sul prezzo finale. Sarebbe questo il costo giusto di una pizza, prendendo in considerazione tutte le spese che si devono sostenere.

Ma quanto dovrebbe davvero costare?

Sono tempi di crisi in cui si fatica ad arrivare a fine mese, in cui il peso delle tasse strozza stipendi e pensioni. Ma il dibattito degli ultimi giorni è sulla pizza. E quello che è emerso è che chi vende una pizza Margherita a 5 euro non impiegherebbe ingredienti di qualità. O che non pagherebbe il proprio personale abbastanza. E che, quindi, una pizza dovrebbe costare per forza tanto se si volesse mangiare ingredienti genuini. In questo articolo non prenderemo in considerazione quelle pizze che impiegano ingredienti ricercati o costosi. Ma parleremo, invece, delle pizze classiche come la Margherita e la capricciosa.

Guardando i diversi listini prezzi, appare evidente che una pizza Margherita, con pomodoro e mozzarella, ha un prezzo che generalmente oscilla dai 4 agli 8 euro. Per una capricciosa il prezzo varia dai 6 agli 8 euro. La differenza di prezzo, però, non sarebbe dovuta ad ingredienti migliori o più costosi, ma solo al marketing. Usare una mozzarella o del pomodoro low cost o usarli, invece, IGP, non inciderebbe così tanto sul prezzo. La differenza, parlando solo di ingredienti, infatti, sarebbe solo di 50 centesimi di euro.

Sarebbe questo il costo giusto di una pizza tonda Margherita o capricciosa nelle pizzerie

Gli ingredienti di una pizza classica sono farina, acqua, mozzarella e pomodoro, se si tratta di una Margherita. Ci si aggiunge qualche carciofino e qualche fetta di prosciutto se si parla di una capricciosa. Al pizzaiolo fare una pizza con ingredienti low cost costerebbe solo 70 centesimi circa. Se si utilizzano ingredienti di prima scelta, il prezzo salirebbe a circa 90 centesimi a pizza Margherita. Se consideriamo una capricciosa, il costo arriverebbe anche ad 1,20 euro.

Come si arriva ai prezzi di vendita? Come abbiamo detto, vanno considerate diverse spese quali location, personale e macchinari. Ma se il prezzo medio di una Margherita in Italia è di 5 euro, bisogna considerare che in alcuni ristoranti più “chic” il prezzo potrebbe arrivare anche a 15 euro. Ma in quel caso non sarebbero solo gli ingredienti a costare di più, ma anche la location ed il servizio.

Lettura consigliata

Come risparmiare sulla spesa al supermercato mangiando sano con una lista intelligente e con i coupon

Consigliati per te