Risparmiare la batteria dello smartphone

Risparmiare la batteria dello smartphone. Come facevamo quando non esistevano gli smartphone? O addirittura i cellulari?

Oggi facciamo davvero fatica a vivere senza. Effettivamente, sempre più attività quotidiane includono il loro utilizzo. Siamo così abituati che in alcuni casi lo percepiamo come un prolungamento di noi stessi. Non ci rendiamo neanche conto di averlo sempre in mano.

Ci accorgiamo della sua estraneità al nostro corpo quando si scarica e si spegne, lasciandoci soli con i nostri dubbi o con la telefonata in sospeso.

A volte il dispositivo si scarica davvero troppo in fretta e siamo in difficoltà quando dobbiamo passare una giornata fuori casa.
Sicuramente power bank e caricabatteria in auto possono aiutare, ma è davvero utile sapere come risparmiare la batteria dello smartphone. È una comodità e un modo per evitare qualche ciclo di ricarica, così da prolungare la vita stessa delle batterie.

Sincronizzazione e notifiche

Il primo consiglio per risparmiare la batteria dello smartphone è spegnere quello che non serve. Disattiva la sincronizzazione delle app che non usi.

Se non ne hai bisogno in senso reale, basta disabilitare questa impostazione. Potrai sempre sincronizzare manualmente e cambiare l’impostazione in un altro momento.

Un consiglio simile vale per le notifiche.

Anche in questo caso, ci sono applicazioni di cui non hai bisogno di aver sempre sotto controllo le notifiche. Se le disattivi eviterai il consumo causato dall’attività in background.

Alcuni social network ad esempio, se non li usiamo per lavoro, inviano moltissime notifiche di cui non abbiamo particolarmente bisogno. Le controlleremo quando decideremo di aprire l’applicazione.

Comandi vocali, posizione e connessione

I comandi vocali come “Ok Google” possono essere disattivati. Ciò comporta un risparmio di batteria perché il microfono non sarà attivo e “alla ricerca” della nostra voce.

Disattiva l’accesso alla posizione. Se non stai usando il navigatore e non serve il GPS, meglio disattivarlo e attivarlo solo all’occorrenza.
È utile anche rivedere le autorizzazioni delle singole app, disabilitando l’accesso automatico alla posizione.

Oltre alla posizione, possiamo togliere selettivamente ad alcune applicazioni l’accesso a internet.

Le impostazioni di risparmio energetico

Ogni dispositivo ha integrata una funzionalità di risparmio energetico. È un insieme di impostazioni e correzioni che permettono di risparmiare batteria. Conviene tenerlo attivo non solo quando la batteria è già agli sgoccioli, anche perché in quel caso servirà a poco. Attivato quando, per esempio, la carica è a metà, avremo un reale vantaggio.

Le applicazioni aggiuntive per risparmiare energia o “ripulire” il telefono non sono invece particolarmente consigliate. Rischiano in realtà di sovraccaricarlo ulteriormente.

Infine, un consiglio forse scontato, ma importante, per risparmiare la batteria dello smartphone.

Disinstalla tutte le applicazioni che non usi, perché oltre ad occupare memoria possono inutilmente consumare energia.

Consigliati per te