Quando mettere l’ammorbidente in lavatrice e prepararlo naturale fatto in casa

La nostra quotidianità è caratterizzata da tanti compiti da svolgere, come accompagnare i figli a scuola e recarci al lavoro. Non manca, poi, l’assolvimento delle faccende domestiche, come pulire la casa o fare la lavatrice. Il bucato da lavare non manca mai e, a volte, è come se ci sentissimo sommersi da esso.

Ogni macchia, ogni cattivo odore, ci spinge a mettere i capi in lavatrice e ad attendere il carico completo del cestello per dare il via al lavaggio. Il nostro desiderio sono vestiti puliti, profumati e morbidi. Per cui, molto spesso, in aggiunta all’apposito detersivo tendiamo ad adoperare anche un prodotto come l’ammorbidente. Che, in genere, acquistiamo liquido e in confezioni già pronte al supermercato. Ma siamo sicuri di usarlo nel modo giusto e di metterlo nella vaschetta della lavatrice quando davvero serve?

Quando mettere l’ammorbidente in lavatrice e prepararlo naturale fatto in casa

Un prodotto come l’ammorbidente non deve essere utilizzato per tutti i lavaggi e per tutti i capi. Il consiglio è di adoperarlo espressamente per capi sia colorati che bianchi ma caratterizzati da una precisa peculiarità del tessuto. Ossia quella della tendenza a sformarsi e a perdere elasticità nel tempo. Per cui, bene per maglie e magliette, ma non sarà necessario, ad esempio, usarlo per lavare le scarpe da ginnastica.

Un altro caso in cui l’uso dell’ammorbidente può essere utile è quando ci si rende conto di aver versato troppo detersivo nella vaschetta della lavatrice. Per cui, nel cestello, vedremo apparire molta schiuma. In questo caso si può provvedere con l’ammorbidente. Ossia mettendo in pausa l’elettrodomestico e aggiungendo, nella vaschetta del detersivo, un cucchiaio del prodotto diluito in acqua.

Ecco, dunque, quando mettere l’ammorbidente in lavatrice. Scopriamo ora un’alternativa all’acquisto di un prodotto al supermercato, ossia come farlo da noi.

Ricetta per un preparato fai da te

In alternativa al comprarlo, magari quando non ci ricordiamo di averlo finito e ne siamo sprovvisti, possiamo fare l’ammorbidente da noi. Basta prendere un flacone vuoto del vecchio prodotto o un recipiente qualsiasi. Lo laveremo per bene e lo riempiremo per metà con dell’acqua minerale. Evitiamo di usare l’acqua del rubinetto per ovviare alla presenza di calcare.

Dovremo quindi aggiungere mezzo bicchiere di aceto di mele e 20 gocce di un olio essenziale profumato a piacere. Può essere al limone, agli agrumi, alla rosa o alla lavanda. Sceglieremo il profumo che più ci piace e che andrà a rinfrescare e ritroveremo, in seguito, sui nostri capi. Dovremo quindi agitare per bene e poi usarne un piccolo quantitativo come ammorbidente, da versare nell’apposita vaschetta della lavatrice.

Lettura consigliata

Cosa fare se il cestello della lavatrice resta fermo per uno di questi 3 motivi, prima di chiamare l’idraulico

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te