Qual è l’importo dell’assegno ordinario di invalidità INPS 2021?

Rispondiamo ai Lettori che chiedono alla nostra Redazione qual è l’importo dell’assegno ordinario di invalidità INPS 2021. Ricordiamo che sono diverse le malattie croniche che ottengono dall’Ente previdenziali il riconoscimento di una percentuale variabile di invalidità. In un precedente articolo abbiamo analizzato “I due disturbi alla tiroide che danno subito diritto alla pensione di invalidità INPS”. Occorre tuttavia sottolineare che esiste una sostanziale differenza tra la pensione di inabilità e l’assegno ordinario di invalidità. Sono molto differenti infatti i requisiti che danno accesso all’uno o all’altra misura assistenziale che l’INPS garantisce ad alcuni soggetti in condizioni di disagio fisico e/o psichico.

La pensione di inabilità spetta al paziente che soffre di una patologia cronica e permanente cui la Commissione legale INPS riconosce il 100% di invalidità. Diverso il caso dell’assegno ordinario di invalidità che invece l’INPS eroga ai soggetti che presentano una riduzione o limitazione della propria capacità lavorativa.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Secondo quanto statuisce il testo del Decreto legislativo 222/1984  il sussidio economico raggiunge il contribuente che subisce la perdita di un terzo della propria abilità lavorativa. Per sapere qual è l’importo dell’assegno ordinario di invalidità INPS 2021 occorre invece reperire aggiornamenti. Ciò perché l’ammontare dell’assegno mensile può cambiare a seconda degli adeguamenti all’inflazione. Anche gli assegni previdenziali che il Governo destina ai soggetti con infermità e disabilità di varia natura beneficiano infatti della perequazione.

Qual è l’importo dell’assegno ordinario di invalidità INPS 2021

Altra prerogativa che conferisce diritto alla prestazione economica riguarda il montante di contribuzione. Prima che il richiedente presenti la domanda è necessario infatti che possegga almeno un quinquennio di contributi INPS. Delle 260 settimane di contribuzione che danno accesso all’assegno, almeno 156 devono risalire al triennio precedente alla data di invio della richiesta. Per quel che riguarda invece l’importo dell’assegno mensile, esso è pari a 287,09. Tuttavia bisogna considerare i limiti reddituali entro cui il soggetto con infermità o menomazione fisica e/o mentale matura il riconoscimento al sussidio economico. Per l’anno 2021 la soglia reddituale da non superare coincide con 4.931,29 euro su base annua.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te