Prima di costruire o ristrutturare una scala interna occorre fare questo!

Per essere a norma e non incorrere in sanzioni o blocco dei lavori, le autorizzazioni da richiedere sono la SCIA, la CILA e il “Permesso di Costruire”.

Ecco i criteri per capire quale titolo edilizio sia giusto avere.

La SCIA

La SCIA è la “Segnalazione Certificata di Inizio Attività”. Tale autorizzazione è necessaria per l’installazione di una scala che richiede ampliamento della cubatura, la modifica strutturale o la demolizione di una parte di solaio.

Richiede l’intervento di un professionista abilitato che certifichi la correttezza del progetto e del lavoro. Le spese sostenute comunque per l’intervento di tecnici e professionisti rientrano fra quelle agevolabili con il bonus ristrutturazioni.

Con la “Riforma Madia”, si disciplina ex novo la SCIA che sostituisce la vecchia DIA. Trattasi di una segnalazione. pertanto si può iniziare subito i lavori. Nel caso l’amministrazione locale riscontri delle irregolarità o inadempienze potrà bloccarne la prosecuzione. L’istruttoria dura massimo 60 giorni.

Attenzione: la Cassazione con sentenza n. 41598/2019 ha chiarito questo frequente caso di specie. Di seguito il principio di diritto affermato dalla Corte.

Si collegano due unità immobiliari poste su due piani diversi e si presenta la SCIA solo per tali opere. Se nella SCIA non si cita espressamente anche la realizzazione della scala interna, si incorrerà in un illecito penale.

Permesso di costruire

Se l’intervento, invece, riguarda immobili sottoposti a particolari vincoli architettonici o storici, può essere necessario il “Permesso di Costruire”.

Altra eventualità per la quale è necessario il titolo edilizio PDC è il caso in cui l’installazione della scala interna sia contestuale a una sopraelevazione.

La CILA

La CILA è la “Comunicazione di Inizio Lavori”. Questo titolo edilizio è obbligatorio per interventi che non implichino modifiche strutturali. O si tratti di una semplice sostituzione di una scala esistente. Questi interventi sarebbero classificabili come manutenzione straordinaria.

Edilizia Libera

Se l’intervento sulla scala interna consiste in una mera riparazione, questo rientrerà fra le opere di manutenzione ordinaria. E non occorrerà nessun titolo edilizio.

In sostanza se non si alterano i materiali e non si modificano le sagome, le posizioni e le pendenze, si ricade nell’edilizia libera. Occorre, però, sempre consultare l’ufficio tecnico comunale perché a volte ci sono prescrizioni locali diverse.

Prima di costruire o ristrutturare una scala interna occorre fare questo iter per non incorrere in sanzioni o ancor peggio in illeciti.

Abbiamo visto, dunque, che prima di costruire o ristrutturare una scala interna occorre fare questo.

Qui si troverà un quadro generale dei titoli edilizi in base a diverse opere di manutenzione ordinaria o straordinaria.

Consigliati per te