Perché tutti hanno smesso di buttare l’ombrello rotto

L’utilizzo frettoloso o spazientito di un ombrello può causare un momento di tensione. Non sappiamo come, ma capita che lo ritroviamo rotto. Sconnesso come una marionetta quando ci serve aperto per ripararci dalla pioggia. E ostinatamente spalancato quando vogliamo chiuderlo.

Ci tocca buttarlo subito e anche volendo non sappiamo da chi farlo riparare. Nessuno di solito immagina qualche modalità di riciclo. Ecco come riciclare un ombrello rotto creando non meno di due oggetti utili per la casa. Due di questi, se vogliamo comprarli, costano anche più dell’ombrello quando era nuovo. Ecco come realizzarli con l’aiuto degli Esperti di ProiezionidiBorsa.

La seconda vita del manico

Un bell’ombrello nero, col manico in legno naturale o colorato, quando si rompe va a finire in un solo posto, la pattumiera. Basta, invece, segare il manico più lungo possibile, dipingere con un po’ di smalto trasparente la parte tagliata e procurarsi due viti con tassello.

Rovesciandolo verso il basso diventa un gancio che possiamo fissare al muro col trapano. Il manico dell’ombrello è diventato un attaccapanni di ottima qualità. Bisogna solo fare attenzione quando si fora il legno, meglio usare una punta fina. E se il muro è molto liscio, si può mettere dietro una piattina di ferro, bianca, cromata o dorata, per una migliore presa.

Creare una mantella

Il resto dell’ombrello non va comunque gettato via. Se sappiamo usare un minimo la macchina per cucire, abbiamo vari oggetti piuttosto facili da realizzare. Servono un rocchetto di filo dello stesso colore dell’ombrello, un pezzo di elastico e un pezzo di velcro del colore che più si adatta.

Ecco il primo. Stacchiamo la tela dell’ombrello dall’armatura di metallo. Otterremo una ciambella con un piccolo foro al centro. Disegniamo un raggio partendo dal centro e tagliamolo con le forbici, sono perfette quelle sagomate che non lasciano sfilacci. Rifiliamo il cerchio interno se occorre, per adattarlo al perimetro del nostro collo. Il pezzo avanzato va diviso in due parti, bisogna creare due laccetti per fare un fiocco e cucirli sui lati aperti, nell’angolo più interno.

Ecco pronta la nostra mantellina, utile per fare la messa in piega a casa o tingere i capelli.

Shopping d’impulso

Proseguiamo a nello spiegare perché tutti hanno smesso di buttare l’ombrello rotto.

Partiamo sempre dalla tela dell’ombrello staccata, ridotta a ciambella col buco stretto. Pieghiamola in due a mezzaluna e tagliamo via una striscia nella parte ripiegata, per eliminare il buco. Ora cuciamo per unire i due pezzi. La striscia avanzata va ripiegata in due, cucita, rovesciata e divisa a metà per creare due manici.

Bisogna cucirla in quattro punti sulla tela dell’ombrello, al centro della mezzaluna. Possiamo poi decidere se mettere una chiusura lampo per chiudere il perimetro della mezzaluna o dei pezzi di velcro.

Ecco pronta una shopper per la spesa pratica e leggera che si ripiega e potremo tenere in borsa.

Perché tutti hanno smesso di buttare l’ombrello rotto

Sempre partendo dalla tela staccata dall’ombrello, dalla ciambella col buco stretto e un raggio tagliato, possiamo creare un impermeabile no cost per il nostro cane.

Avvolgiamo la tela intorno al suo corpo e fissiamola con dei pezzi di nastro adesivo. Poi lasciamolo passeggiare per casa. Quando siamo sicuri che si muova bene, segniamo i punti di raccordo con una penna e sostituiamo i pezzi di nastro adesivo con dei ritagli di tela e pezzi di velcro cuciti a mano o a macchina.

Abbiamo creato un capo dog fashion couture!

Consigliati per te