Perché i nostri denti ingialliscono e come renderli di nuovo bianchi risparmiando dal dentista

L’ingiallimento dei denti è uno dei classici sintomi dell’avanzare dell’età. Almeno, solitamente. Ma, i fumatori accaniti sanno invece, accorgendosene a proprie spese, che i loro denti ingialliscono precocemente. Perché i nostri denti ingialliscono e come renderli di nuovo bianchi risparmiando dal dentista è il tema di questo articolo dei nostri Esperti. Partendo dal presupposto che un bel sorriso è quasi sempre lo specchio della nostra personalità. Un sorriso forzato, a causa di una dentizione “giallastra” può rivelarsi anche motivo di disagio nelle relazioni interpersonali.

ProiezionidiBorsa TV

Non tutti i denti sono uguali

Va subito detto che non tutti abbiamo lo stesso colore dei denti. Quella splendida dentatura bianca come la neve non è infatti una caratteristica comune di tutti quanti. Molti di noi, infatti, per indole e per natura, presentano una colorazione più tendente al giallo, nonostante una corretta igiene orale. Dobbiamo, invece preoccuparci, nel momento in cui ci rendiamo conto e di colpo che i nostri denti stanno ingiallendo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Le cause principali

Perché i nostri denti ingialliscono e come renderli di nuovo bianchi risparmiando dal dentista, analizzando però le cause principali di questo deperimento:

  • fumo;
  • abuso di caffè;
  • assunzione di troppa cioccolata o liquirizia;
  • eccessivo consumo di bibite gasate.

Queste sono le cause principali che portano all’ingiallimento dei denti, legate a delle abitudini alimentari sbagliate.

Come sbiancare naturalmente i nostri denti

Ovviamente, la limitazione dell’assunzione delle voci di cui sopra è fondamentale per la prevenzione della salute della nostra dentizione. Unitamente alla quotidiana e corretta igiene dentale, ecco che possiamo sbiancare i nostri denti utilizzando:

  • dei gargarismi col succo di limone, ma non eccessivamente, a causa del suo acido;
  • strofinando la salvia sui denti, come facevano gli antichi romani;
  • utilizzando, però anche qui con moderazione, il bicarbonato, o comunque dei dentifrici che lo contengono in maniera specifica. Non dobbiamo però abusarne perché potremmo rischiare, paradossalmente di macchiare lo smalto e rovinarlo.

Approfondimento

Potremmo soffrire di questa carenza che difficilmente appare nei semplici esami del sangue

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te