Perché coltivare alcune piante accanto al basilico è molto importante e quali sono i peggiori vicini

Il basilico è una pianta aromatica molto apprezzata per il suo profumo e sapore.
Coltivarlo è semplice e non richiede particolari cure. Nelle regioni con un clima caldo si può piantare direttamente in piena terra. In quelle con un clima freddo, occorre piantarlo in vaso e successivamente in terra.
Per avere un buon raccolto, bisogna seguire alcuni importanti consigli.
In questo articolo spieghiamo perché coltivare alcune piante accanto al basilico è importante e quali sono i peggiori vicini.
Esistono infatti le cosiddette piante amiche, che aiutano il basilico ad avere una crescita ed un raccolto ottimale. Vediamo quali sono i motivi e quali sono queste piante.

La carota

Le radici della carota forniscono umidità alle radici delle piante coltivate vicino.
Seminare il basilico in file lungo il letto di carote, ad una distanza di circa 20 centimetri.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Il cavolo

Il cavolo ed il basilico consumano diversi oligoelementi dal suolo, quindi possono essere seminati vicini.
Bisogna piantare due o tre piantine di basilico tra un cavolo e l’altro.

Insalata

Le sue radici drenano il terreno facilitando la crescita del basilico.
Poiché l’insalata cresce velocemente è consigliato piantare le due colture ad una distanza di circa 30 centimetri.

Ecco perché coltivare alcune piante accanto al basilico è molto importante e quali sono i peggiori vicini. Il sedano

Possono essere coltivati vicini, perché le radici del primo sono in grado di attirare umidità dal terreno, favorendo il basilico.
Vanno seminati in file parallele, ad una distanza di circa 20 centimetri.

Le zucchine

Poiché le due colture assumono diversi oligoelementi dal terreno, possono essere piantate vicine ma ad una distanza di circa 30 centimetri.

I cetrioli

Il basilico e il cetriolo possono stare vicini.
Il cetriolo previene l’acidificazione del suolo e fa da schermo dalla luce solare.
Il basilico protegge il cetriolo dall’oidio e dalla mosca bianca. Entrambe le colture necessitano di un’umidità molto elevata del terreno.
Il basilico va seminato tra i cetrioli ad una distanza di 10 o 15 centimetri.

Non è consigliabile seminare il basilico con le seguenti colture:

La maggiorana

Appartengono alla stessa famiglia, assumono gli stessi oligoelementi, e sono portate ad avere le stesse malattie.
Questo influisce negativamente sul loro profumo, sapore e resa.
Vanno piantate ad una distanza di circa 3 o 4 metri.

L’aneto

La mosca dell’aneto e gli afidi passano anche sul basilico. Inoltre, farli crescere vicini li rende amari.
Devono essere coltivati ad una distanza di circa 5 metri.

La ruta

Vanno seminate ad una distanza di circa 5 metri, perché la ruta prende tutti gli oligoelementi dal terreno.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te