Per una Stella di Natale rigogliosa, mai sofferente e senza foglie gialle o afflosciate ecco il semplice trucchetto che pochi conoscono

È tempo di Stelle di Natale. Anche chi non ama i fiori, sicuramente ne ha almeno una in casa. D’altra parte, si tratta di un’idea regalo molto comune e sempre gradita. La Stella di Natale è però una pianta abbastanza delicata. Non è raro vederla soffrire e addirittura sfiorire ancor prima dell’Epifania. Vediamo, allora, alcuni consigli per mantenerla al meglio anche se non abbiamo il cosiddetto “pollice verde”.

Per una Stella di Natale rigogliosa, mai sofferente e senza foglie gialle o afflosciate ecco il semplice trucchetto che pochi conoscono

Come ben sappiamo, piante e fiori comunicano con noi attraverso il loro aspetto. Sono esseri viventi e, se hanno qualche problema o stanno soffrendo, spesso ci avvertono attraverso le foglie. Uno dei principali problemi che può presentare la Stella di Natale è, infatti, la presenza di foglie ingiallite. Di fronte a questa problematica, la causa più probabile è da ricercare nell’acqua. Infatti, le foglie di questa pianta tipicamente natalizia diventano gialle per due motivi. Sia se hanno sete, e quindi la stiamo annaffiando troppo poco, ma anche se stiamo esagerando con le irrigazioni. Vediamo quindi come comportarci. Per una Stella di Natale rigogliosa, mai sofferente e senza foglie gialle o afflosciate ecco il semplice trucchetto che pochi conoscono.

È tutta una questione di acqua

Anzitutto, proviamo a ragionare sul nostro comportamento in merito all’irrigazione. In caso non riuscissimo a renderci conto se stiamo esagerando o meno con la quantità di acqua, passiamo alla prova dell’osservazione. Se il terreno è secco e asciutto, dovremmo dare più acqua alla nostra Stella di Natale, aumentando sia la frequenza delle irrigazioni che le quantità. Al contrario, se il terreno è umido, e addirittura le radici sono impregnate di acqua, allora è bene cominciare a limitare le somministrazioni. Si tenga conto che, in questo secondo caso, ovvero in caso di eccessiva acqua, le foglie si presenteranno gialle ed anche flosce e ricadenti.

La prova del dito

Val la pena ricordare una regola che risulta molto utile, non solo nel caso specifico della Stella di Natale, ma anche per la maggior parte delle piante. Prima di procedere ad una nuova annaffiatura, è bene controllare sempre lo stato di umidità del terreno. Non bisogna limitarsi ad osservarlo per stabilire se sia secco o ancora umido. Dobbiamo fare una prova pratica, inserendo nel terriccio un dito per 2 o 3 cm. Spesso, può infatti capitare che il terreno appaia asciutto in superficie ma, appena al di sotto, risulti ancora bagnato. E quindi, in questo caso, è meglio attendere per una nuova annaffiatura.

Altre possibili cause

Se dopo aver seguito questi consigli e aver modificato frequenza di irrigazioni e quantità di acqua, la nostra pianta continuerà a mostrare un aspetto sofferente con foglie gialle, flosce e ricadenti, allora bisogna andare a scoprire quale possa essere un altro motivo di fondo.

Le foglie gialle sulla Stella di Natale potrebbero infatti essere provocate anche da una carenza di minerali. Nello specifico, di magnesio e/o molibdeno. In tal caso, si consiglia di somministrare del concime ricco di tali sostanze. I fertilizzanti liquidi vanno diluiti nell’acqua delle annaffiature secondo i dosaggi indicati sulla confezione. Nel caso invece di un prodotto granulare, questo va semplicemente sparso sul terreno ed è necessario attenderne l’assorbimento.

Approfondimento

Splendidi ciclamini colorati sempre in fiore grazie a questi semplici trucchetti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te