Per riempire la casa di fiori bianchi e profumati ecco la pianta fiorita a maggio che non farà rimpiangere ciclamini e gerani

Le piante sono riuscite ad illuminare anche le giornate più grigie durante le chiusure dovute alla pandemia da Covid 19. Proprio in questo periodo nefasto in molti si sono avvicinati al mondo delle piante e dei fiori. Un universo vasto ed affascinante che non può lasciare indifferente chi decide di scoprirne i segreti. Tra le piante più diffuse nelle case, ma anche nei giardini, troviamo le ortensie, le rose, ma anche fiori come i gerani e i ciclamini.

Ogni pianta ha le proprie esigenze: alcune necessitano di molta acqua, mentre altre si accontentano di meno cure. Per questo motivo, quando si decide quale pianta portare a casa, sarà bene anche fare i conti con i propri impegni e il proprio tempo libero. Anche l’ambiente in cui vengono fatte crescere fa la differenza tra sviluppo armonioso e sano o morte. Oggi si andrà a trattare di una delle piante più amate di sempre, la profumata gardenia. Una pianta che necessita di qualche cura in più rispetto alle altre, ma che saprà regalarci dei fiori meravigliosi.

Per riempire la casa di fiori bianchi e profumati ecco la pianta fiorita a maggio che non farà rimpiangere ciclamini e gerani

Innanzitutto, la gardenia dovrà essere sistemata in un posto frequentato della casa. Infatti averla sempre sotto gli occhi ci permetterà di averne maggiore cura. Il fogliame è di colore verde scuro, mentre i fiori che sbocceranno da maggio alla fine dell’estate saranno bianchi.

Potrà essere tenuta all’esterno, ma solamente se le temperature non scenderanno al di sotto dei cinque gradi. Meglio tenerla al riparo in una serra o in una stanza non riscaldata della casa. Infatti teme anche il caldo eccessivo e non è, per questo motivo, adatta alle zone più calde dell’Italia. L’esposizione non dovrà essere al sole, che potrebbe bruciare le foglie. Per farla fiorire la temperatura dovrà essere sui venti gradi.

L’irrigazione dovrà avvenire a giorni alterni durante il periodo caldo, mentre una volta alla settimana sarà sufficiente in inverno. Anche la concimazione durante la primavera è importante per riempire la casa di fiori bianchi e profumati e mantenere la gardenia sana e rigogliosa.

Malattie

Tra i fastidi più diffusi che possono colpire la gardenia troviamo la clorosi. Si lega a doppio filo all’utilizzo di acqua molto calcarea e, soprattutto, all’utilizzo di terriccio normale. La gardenia è una pianta acidofila e, per questo motivo, bisognerebbe sempre utilizzare un terriccio specifico. Le foglie, in caso contrario, tenderanno ad ingiallire. Anche i ristagni idrici possono provocare questo problema, quindi attenzione quando si procede con le irrigazioni. Sarà necessario accertarsi che il terreno sia ben drenato, perciò consigliamo di inserire dei cocci o dell’argilla espansa sul fondo.

Moltiplicazione

La gardenia potrà essere riprodotta utilizzando il metodo della talea o della margotta. Per la talea sarà necessario utilizzare un terriccio misto a sabbia scegliendo rami laterali e teneri. Il terriccio andrà mantenuto umido e le foglie nebulizzate. Bisognerà sistemarla in un luogo luminoso, ma non a contatto con i raggi diretti del sole.

Approfondimento

Come curare l’azalea in vaso dopo la fioritura per mantenerla così sana e rigogliosa da fare concorrenza a rose e ortensie

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te