Per mantenere la pelle elastica e luminosa e ridurre la stanchezza dovremmo assumere anche questa vitamina ignorata

La nostra pelle del viso e del resto del corpo molto spesso rivela il nostro stato di salute, le abitudini e anche il tipo di alimentazione che abbiamo.

Se, ad esempio, non utilizziamo i cosmetici adatti, ma solo quelli di scarsa qualità, la nostra epidermide potrebbe risentirne. Inoltre, le buone abitudini, potrebbero anche aiutarci a mantenere quella tonicità tanto desiderata.

A partire da una certa età, circa 25 anni, subentra un naturale invecchiamento e quindi importante nutrire e trattare la pelle nella maniera adeguata. Per evitare di peggiorare la situazione, quindi, dovremmo limitare l’assunzione di zuccheri, non fare troppe lampade, avere uno stile di vita regolare.

L’alimentazione in questo senso è un fattore rilevante, infatti vitamine, sali minerali e antiossidanti, ritarderebbero l’invecchiamento cutaneo, favorendo una pelle vellutata, con poche rughe. Tra le varie sostanze nutritive esiste una vitamina, non molto conosciuta, che potrebbe aiutarci.

Per mantenere la pelle elastica e luminosa e ridurre la stanchezza dovremmo assumere anche questa vitamina ignorata

Tra le vitamine liposolubili, ovvero quelle accumulate dall’organismo e assorbite dal fegato, c’è la vitamina Q (coenzima Q o ubichinone) ed è un potente antiossidante. Il nostro corpo riesce a trattenerla, quindi non abbiamo bisogno di assumerla continuamente.

Per questa ragione, per mantenere la pelle elastica e luminosa e ridurre la stanchezza dovremmo assumere anche questa vitamina ignorata. È importante per trasferire l’energia dalle cellule e, oltre a contrastare la perdita di tono, combatte anche la stanchezza.

Il fabbisogno giornaliero di questa sostanza si aggira tra i 100 e i 300 mg, secondo l’età, stile di vita e specifiche patologie. Nel caso in cui abbiamo una carenza di questa vitamina, potremmo sviluppare alcuni problemi cardiovascolari, respiratori e sentirci particolarmente stanchi.

Mentre è più raro avere un eccesso di vitamina Q, visto che la espelliamo con le urine. In realtà, è diversa da tutte le altre vitamine, in quanto la sintetizziamo a livello di cellule.

Dove si trova il coenzima Q

Anche il nostro organismo può produrre questa importante sostanza ma, con il tempo, l’età e le problematiche di salute, i livelli di produzione diminuiscono notevolmente.

Le fonti alimentari che contengono il coenzima Q sono vari tipi di carne, come pollo, manzo, maiale, ma soprattutto gli organi, come cuore e fegato. Lo troviamo anche nei frutti mare e nei pesci, come salmone, tonno, sardine, sgombro.

I vegetariani potranno invece assumerlo tramite cereali integrali, soia, spinaci, frutta secca, sesamo, broccoli e arance.

Per cercare di mantenere giovane la pelle anche la vitamina F, ovvero omega 3, potrebbe contribuire ad ottenere buoni risultati. Grazie alle sue proprietà ed agli acidi grassi che contiene, è un grande alleato della salute della nostra pelle.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini dei nostri lettori nell'utilizzo degli strumenti, degli ingredienti e dei prodotti per la cura della persona. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con gli strumenti, ingredienti e prodotti normalmente utilizzati per la cura della persona e il make-up. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te