Per le zone d’ombra di balconi e giardini mettiamo da parte le solite ortensie perché queste 4 piante fiorite faranno faville

Dando una rapida occhiata al meteo potremmo facilmente notare come l’icona del Sole compaia in ogni orario della giornata, accompagnata da temperature fisse sopra i 20 gradi. Questo significa che l’estate ci ha fatto visita con un certo anticipo, infischiandosene dell’esatta data in cui sarebbe previsto il suo arrivo: il 21 giugno. Quindi, un caldo così intenso e tante belle giornate all’orizzonte probabilmente ci hanno spinto a investire le nostre doti d’arredatori e sistematori sugli spazi esterni.

Balconi e giardini si apprestano a diventare il fiore all’occhiello della casa e per riuscire nell’intento ci vorrebbero pulizie extra, il giusto arredo e soprattutto le piante. Per tutte le parti più assolate avremmo solo l’imbarazzo della scelta di cosa piantare. Per esempio, possiamo valutare varietà fiorite dal portamento eretto, cespuglioso ma anche rampicante per coprire muri rovinati o schermare balconi.

Al contrario, potremmo incontrare qualche difficoltà nelle parti ombrose, dove pensiamo non possa crescere nulla.

Tuttavia, contro ogni pronostico, anche queste si potrebbero popolare di piante, non solo verdi ma piene di fiori variopinti.

Per le zone d’ombra di balconi e giardini mettiamo da parte le solite ortensie perché queste 4 piante fiorite faranno faville

Se, parlando dell’argomento, avessimo subito focalizzano un’ortensia nel nostro angolo buio, dovremmo fare retromarcia. Infatti, per quanto sia bella non sarebbe una grossa novità da ospitare in casa. Al suo posto, invece, potremmo piazzare ben 4 piantine strepitose, accumunate dalle stesse caratteristiche:

  • preferirebbero vivere in una zona totalmente ombrosa;
  • riuscirebbero a fiorire tranquillamente durante tutto il periodo estivo;
  • sopporterebbero bene il caldo.

Una pianta “fashion”

La prima pianta per le zone d’ombra di balconi e giardini sarebbe particolarmente “fashion”. Il suo nome, infatti, è uno dei colori più trendy per l’estate, fucsia. Di queste sfumature sono anche i suoi fiori a cascata, particolarmente grandi e dotati di pistilli lunghi e sottili dal grandissimo potere decorativo. Un trucco per coltivarla al meglio sarebbe disporre dell’argilla espansa alla base del vaso per garantirle un drenaggio massimo.

Un ibrido della petunia

La seconda pianta che sarebbe perfetta per questi scopi sarebbe un incrocio di diverse specie di petunie. Stiamo parlando della surfinia con portamento ricadente da semi-rampicante. Per quanto riguarda i fiori, invece, questi hanno una forma ad imbuto e solitamente sono bi-color, striati o maculati. Un trucco per coltivarla al meglio sarebbe piantarla in un terreno leggermente acido e soffice.

Una pianta giapponese

La terza pianta da poter valutare arriva direttamente dal Giappone e sarebbe l’Astilbe. Le foglie richiamano quelle della felce e i suoi fiori si sviluppano in pennacchi soffici di colore lilla, rosso o bianco. Un trucco per coltivarla al meglio sarebbe garantirle sempre un terreno umido.

Una pianta annuale

Infine, all’ombra potremmo coltivare anche la balsamina. Questa pianta è ricoperta di pochissime foglie verde scuro e rugose. In questo modo, lascia spazio ai fiori di medie dimensioni e dalle tipiche sfumature arancio e pesca. Un trucco per coltivarla al meglio sarebbe evitare di innaffiarla dopo il calare del Sole perché un eccesso di umidità potrebbe portare a marciume radicale.

Lettura consigliata 

Ecco 3 piante da mettere sotto le rose per non far crescere l’erba più decorative delle solite corteccia e ghiaia

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te