Per far rifiorire le orchidee in pieno autunno niente vale quanto questo impensabile trucchetto

L’orchidea è senza alcun dubbio uno dei fiori più amati e regalati in ogni occasione.

Secondo il linguaggio dei fiori pare addirittura che chi ci regala orchidee di uno specifico colore potrebbe essere pazzo di noi.

Tuttavia sono tantissimi gli appassionati che si fanno da soli questo bel regalo che richiede però cura e dedizione.

L’orchidea è infatti uno di quei fiori per i quali avere un buon pollice verde potrebbe rivelarsi fondamentale.

Il rischio è proprio quello di lasciarsi scoraggiare nel momento in cui, in modo del tutto fisiologico, la pianta perde le sue infiorescenze.

Senza conoscerne tutti i segreti è molto probabile che saremo tentati di abbandonarla a sé stessa, finendo per farla morire.

Proprio per i meno esperti e per i più curiosi abbiamo svelato una piccola astuzia che può assicurare lunga vita e splendore alla nostra orchidea.

Per far rifiorire le orchidee in pieno autunno niente vale quanto questo impensabile trucchetto

Ne esistono di tantissimi colori e varietà, tutte meravigliose ed estremamente eleganti ma allo stesso tempo così delicate.

Ci sono alcune accortezze ed errori da evitare a cui prestare attenzione per non mettere a rischio la nostra pianta o farla soffrire inutilmente.

Ad esempio, se notiamo delle foglie ingiallite, potremmo aver esagerato con le irrigazioni o con l’esposizione alla luce diretta.

Anche delle radici particolarmente molli e scure dovrebbero metterci in allarme, rivelando un patimento della pianta.

Per questo è importante informarsi bene sulle caratteristiche e sulle fragilità dell’orchidea, soprattutto quando è più spoglia.

Se vogliamo stimolare la fioritura sarà importante sapere che per far rifiorire le orchidee in pieno autunno niente vale quanto questo impensabile trucchetto.

Vediamo di cosa si tratta.

Basta questa routine di bellezza per avere degli splendidi fiori

L’orchidea fiorisce quanto è sottoposta ad uno sbalzo termico.

Il trucchetto è quello di spostare la pianta sul balcone di giorno avendo l’accortezza di riportarla in casa alla sera.

Contemporaneamente è importante ridurre l’irrigazione e provvedere al nutrimento dell’orchidea con appositi concimi preferibilmente a base di potassio.

Sembra incredibile ma è proprio così; dovrebbe bastare un breve periodo di questa particolare routine per vedere spuntare i nostri amati boccioli.

Segniamo questo trucco semplice ma efficace se vogliamo delle orchidee da far invidia a chiunque!

In alternativa anche il concime a base di azoto potrebbe aiutare a rafforzare le radici contribuendo alla salute della pianta.

Dopo un’eventuale concimatura si consiglia infine di attendere almeno 24 ore prima di innaffiarla, per consentire la sedimentazione del concime stesso.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te