Oltre alla luna crescente, per piantine di prezzemolo sane e rigogliose ecco 5 consigli per la semina in orto e vaso

La primavera è la stagione dei lavori in giardino. In questo periodo si trapiantano e ci si prende cura di piante e fiori, che abbelliranno i nostri spazi esterni durante i prossimi mesi. Molte persone hanno anche un proprio orto che curano amorevolmente. A tal proposito, ecco alcune utili indicazioni per il mese corrente. Un orto regala ottimi prodotti freschi e gustosi da portare in tavola. Davvero una grande soddisfazione.

Molti prodotti possono essere coltivati “in casa” anche se non si ha un vero e proprio orto. Un caso emblematico, ad esempio, è quello delle erbe aromatiche. Molti amano avere sempre a portata di mano foglie fresche di basilico o di prezzemolo. Queste piantine le possiamo tranquillamente coltivare anche in un semplice vaso da tenere sul balcone o sul davanzale della finestra. Comunque sia, in piena terra o in vaso, per un’ottima crescita è importante conoscere alcuni consigli.

Il gusto intenso del prezzemolo

Nell’ampia famiglia delle erbe aromatiche, il prezzemolo è una delle più famose e utilizzate in Italia. Noto come rimedio naturale fin dai tempi antichi, il prezzemolo (nome scientifico petroselinum hortense) fa parte della famiglia delle Ombrellifere, alla quale appartengono anche sedano, finocchio e cumino. La pianta del prezzemolo si presenta con uno stelo alto 60/80 centimetri. Le foglie, verdi, hanno un bordo frastagliato e somigliano un po’ a quelle del coriandolo. Il prezzemolo è un ingrediente che sta molto bene su varie pietanze. Dai primi ai secondi, si sposa divinamente su pesce e carne. Per un uso corretto, andrebbe aggiunto a cottura ultimata. In questo modo non perde il suo inconfondibile sapore fresco.

Per avere piantine di prezzemolo sane e ricche di foglie, è opportuno conoscere alcuni consigli pratici per la semina. I suggerimenti che andremo ad indicare nelle prossime righe valgono sia per la semina in terra che in vaso. È risaputo che i prodotti della terra seguono il calendario lunare. Nel caso del prezzemolo, le antiche credenze contadine suggeriscono di procedere con la semina durante la fase crescente della luna. Oltre a questo suggerimento di antica tradizione popolare, bisogna tuttavia mettere in pratica altre accortezze.

Oltre alla luna crescente, per piantine di prezzemolo sane e rigogliose ecco 5 consigli per la semina in orto e vaso

Anzitutto, prima di procedere con la semina, è molto importante concimare e lavorare per bene il terreno in modo da fornire ai semi un ambiente umido e ricco di nutrienti in cui poter crescere. Fatto ciò, i semi non vanno depositati troppo in profondità. Tenere come riferimento valori che vanno da 0,5 cm a 1,5 cm. Inoltre, le varie piantine andrebbero distanziate l’una dall’altra di 15 cm circa. Durante le 3 settimane successive alla semina, mantenere il terreno umido in maniera regolare. A tal proposito, è bene precisare che annaffiare abbondantemente la pianta non giova alla sua crescita. Prima di procedere con l’annaffiatura, stendere quindi un telo di juta sulle piantine.

Infine, poiché i semi di prezzemolo germinano piuttosto lentamente, sarebbe utile immergerli in acqua per una notte intera prima di procedere. Ecco, quindi, i consigli da tenere presenti per seminare il prezzemolo oltre alla luna crescente. Come già preannunciato nel titolo, i predetti principi sono validi anche per la coltivazione in vaso.

Lettura consigliata

Per una pianta di olivo sana, rigogliosa e carica di frutti basterebbe conoscere questi 3 consigli degli esperti vivaisti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te