Oltre ai Bonus INPS da inizio anno queste famiglie possono ottenere un particolare contributo fino al 65% 

I Bonus fiscali sono numerosi. Tra questi c’è un’agevolazione che permette notevoli risparmi a molti contribuenti italiani con specifici requisiti. Grazie a questa agevolazione, oltre ai Bonus INPS da inizio anno queste famiglie possono ottenere un particolare contributo fino al 65%.

Anche per il 2022 il Governo ha previsto numerosi Bonus fiscali per le famiglie. Alcuni sono totalmente nuovi come l’assegno unico universale che incorpora altri precedenti contributi che sono scomparsi. Altri sono stati riconfermati, per esempio oltre all’assegno unico per le famiglie ecco altri importanti Bonus per la casa nel 2022.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Il Governo ha confermato ancora il Superbonus al 110%. Anche quest’anno le famiglie possono sfruttare questo contributo per fare dei miglioramenti di efficientamento energetico e antisismico alla propria abitazione. Tuttavia il Superbonus 110% ha dei criteri di applicazione molto restrittivi. Chi non può sfruttare i contributi del Superbonus, può ricorrere ad altri tipi di agevolazioni.

Oltre ai Bonus INPS da inizio anno queste famiglie possono ottenere un particolare contributo fino al 65%

Tra le agevolazioni per la casa oltre al Superbonus ci sono anche il Bonus ristrutturazione, il Bonus facciate, il Bonus verde e l’Ecobonus. Il Bonus per la ristrutturazione offre un contributo del 50%, quello verde del 36% e quello per le facciate al 60%. L’Ecobonus è quello che offre un contributo percentuale maggiore dopo il Superbonus. Questa agevolazione garantisce uno sconto del 65%, però con vari tetti di spesa a seconda dell’intervento effettuato.

Ma cos’è esattamente l’Ecobonus? Questo contributo è rivolto a tutte le famiglie che desiderano riqualificare da un punto di vista energetico il proprio immobile. Il proprietario di un’abitazione può ottenere un Bonus del 65% solo per gli interventi indicati nell’articolo 14 del Decreto Legge n. 63/13. Tra questi c’è il rifacimento dell’impianto di riscaldamento. In particolare la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con generatori d’aria calda a condensazione, oppure pompa di calore integrata con caldaia a condensazione.

Installazione di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili. La sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore, dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria. Anche l’installazione di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda e le schermature solari rientrano nello sconto del 65%.

Tre modi per usufruire dell’Ecobonus del 65%

Chi usufruisce dell’Ecobonus al 65% può detrarre questo importo dalla dichiarazione dei redditi, ma può anche sfruttare l’agevolazione in altri due modi. Il proprietario dell’immobile può ottenere uno sconto in fattura dall’azienda che ha effettuato i lavori. Oppure questi può cedere il credito a società finanziarie e banche disposte all’acquisto.

Attenzione a non confondere l’Ecobonus con il Bonus ristrutturazione. Gli interventi edilizi che non rientrano nell’Ecobonus sono assoggettabili a una detrazione del 50%. In questo caso chi effettua questi lavori può detrarre la metà della spesa effettuata ma con un tetto massimo.

Nel 2021 un’altra agevolazione legata alla casa prevedeva contributi fino a 16.000 euro semplicemente richiedendo questo Bonus senza ISEE fino al 31 dicembre. Quest’anno il Governo per questo contributo ha abbassato il tetto massimo di spesa a 10.000 euro e a 5.000 euro per il 2023.

Consigliati per te