Oltre 100 milioni di batteri vivono sui nostri spazzolini ma possiamo eliminarli in questo modo semplice ed efficace

Se fin dalla tenera età ci insegnano a lavarci i denti 3 volte al giorno, per avere una buona igiene orale ed evitare la formazione di carie, non basta però il solo spazzolino. È bene utilizzare anche il filo interdentale e i cosiddetti “scovolini”. Senza considerare, comunque le visite e le pulizie periodiche dal dentista di fiducia. Prendersi cura della bocca e dei denti è infatti un investimento importante. Spendere il giusto adesso per non trovarsi a tirar fuori cifre impossibili poi. Questo, anche perché, secondo una recente indagine specifica, sarebbe stato quantificato il numero di microbi e batteri che gravitano attorno al nostro spazzolino. Oltre 100 milioni di batteri vivono sui nostri spazzolini ma possiamo eliminarli in questo modo semplice ed efficace.

L’importanza dell’igiene quotidiana

La maggior parte di noi tiene lo spazzolino da denti in un bicchiere o contenitore all’aperto o con il guscio copri setole. Peccato, però, che, secondo gli esperti, anche in questo modo lo spazzolino sarebbe esposto all’invasione dei batteri. Addirittura, secondo una ricerca neozelandese, se lo spazzolino è troppo vicino al water, potrebbe esserci contaminazione. Sembrerebbe incredibile, eppure, quando tiriamo l’acqua dello sciacquone, nebulizziamo nell’aria anche i batteri. Che potrebbero andare persino a depositarsi sullo spazzolino. Consideriamo che in periodi della storia come questo, l’analisi dell’igiene e della pulizia stanno invadendo le nostre case.

Oltre 100 milioni di batteri vivono sui nostri spazzolini ma possiamo eliminarli in questo modo semplice ed efficace

Ecco, allora che per disinfettare il nostro spazzolino in modo naturale, dopo averlo sciacquato in acqua fredda:

  • potremmo immergerlo per alcune ore in una soluzione a base di mezzo cucchiaino di bicarbonato con qualche goccia di limone e dell’acqua calda;
  • risciacquiamo poi con acqua fredda;
  • completiamo l’opera versando la nostra soluzione fai da te nel porta spazzolino con l’aggiunta magari di un po’ di aceto;
  • lasciamo agire tutta la notte, strofiniamo e risciacquiamo.

Una curiosità finale sullo spazzolino

Magari qualcuno dei nostri Lettori avrà letto che già gli antichi romani si prendevano cura dei loro denti. Soprattutto nobili e potenti, che utilizzavano la salvia come un vero e proprio dentifricio-spazzolino. Sembra, però che già 3.500 anni prima di Cristo, i babilonesi e gli egiziani si prendessero cura dei propri denti con spazzolini di fortuna. In pratica, utilizzavano le estremità di un ramoscello o di un bastoncino per tenere puliti i denti, rimuovendo i depositi di cibo dalla bocca. Il primo vero e proprio spazzolino da denti sarà però inventato dai cinesi attorno al 1.500 a.C.

Approfondimento

Tra tutte le tisane salutari eccone una che con tutti i suoi nutrienti proteggerebbe il cuore mettendo il turbo al metabolismo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te