Moltissimi ignorano che questo è l’unico modo per mantenere lo smartphone acceso 2 giorni senza caricare la batteria

Il nostro smartphone è diventata un’estensione di noi stessi. Ecco perché quando si sta scaricando la batteria andiamo nel panico. La chiamata era la funzione principale quando i telefoni si chiamavano cellulari. Poi le funzioni si sono moltiplicate con l’arrivo dello smartphone e chiamare è diventata una funzione secondaria. Le funzioni dello smartphone nel tempo sono cresciute enormemente ma l’autonomia della batteria non è cresciuta di pari passo. Forse qualcuno se lo ricorda. Fino a una decina di anni fa i cellulari duravano anche più giorni con una sola ricarica. Oggi uno smartphone sta a malapena acceso 24 ore. Ogni sera va ricaricato. Per evitare di caricare il nostro device ogni sera c’è un solo modo.

Moltissimi ignorano che questo è l’unico modo per mantenere lo smartphone acceso 2 giorni senza caricare la batteria

Sembra incredibile ma oggi ci sono smartphone che costano centinaia di euro e non riescono ad avere un’autonomia oltre le 15/20 ore. La tecnologia si evolve ma il tallone di Achille di questi strumenti rimane sempre quello della durata della batteria. Alcuni trucchi possono aiutare ad allungare questa durata. Per esempio immaginiamo una persona con lo smartphone che ha il 10% della batteria e non può metterlo in carica. Cosa può fare? Ecco un trucco per utilizzare lo smartphone 2 ore con meno del 10% di batteria.

L’utilizzo accorto del cellulare può essere un altro modo per risparmiare sul consumo dell’energia. Tuttavia chi fa un uso intensivo dello smartphone deve trovare comunque durante la giornata una spina a cui ricaricare la batteria. Rimane comunque un fastidio dovere cercare un luogo dove ricaricare lo smartphone come un rabdomante che cerca l’acqua. Ma c’è un modo per evitare di trovarsi a metà giornata con la batteria in riserva. Acquistare un cellulare con una batteria che abbia una durata di almeno 48 ore. Moltissimi ignorano che questo è l’unico modo per mantenere lo smartphone acceso 2 giorni senza caricare la batteria, anche con un uso intenso.

Chi compra uno smartphone è attento a moltissime funzioni, ma non pensa quasi mai alla durata della batteria. La potenza della batteria è fondamentale per l’autonomia dello smartphone, anche se non è l’unico fattore. Chi fa un uso intensivo dello smartphone dovrebbe usare un apparecchio che abbia una batteria con una potenza di almeno 5.000 milliamperora (mAh).

Un’autonomia anche di una settimana

Alcuni apparecchi in commercio hanno una batteria anche di potenza superiore. Questi apparecchi appartengono a marchi a molti sconosciuti ma che fanno della autonomia dello smartphone un punto di forza. Alcuni apparecchi hanno una batteria con potenza 6.000 mAh e riescono a restare accesi anche oltre 160 ore.  Alcuni smartphone, però riescono a fare di meglio. Un apparecchio in commercio ha una batteria da 10.000 mAh e la sua autonomia si avvicina a una settimana.

Questi smartphone sicuramente non sono belli e non hanno una linea accattivante, ma non ci lasceranno mai senza batteria a metà giornata. Questi device magari non saranno la nostra prima scelta ma potrebbero essere un valido secondo apparecchio. Chi non ama troppi fronzoli, non segue le mode e guarda al concreto, potrebbe adottarli anche come primo apparecchio.

Approfondimento

Adesso possiamo dire finalmente addio alle numerose ricariche quotidiane delle batterie degli smartphone se si evita di fare questi 3 unici errori

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te