Molti le gettano senza sapere che le retine della frutta valgono oro per questa funzione importantissima

Quando compriamo frutta e verdura, spesso ci ritroviamo con tante retine di plastica che, puntualmente, gettiamo nella spazzatura.

Siamo talmente abituati a considerare questi oggetti degli scarti, che non penseremmo mai che potrebbero tornare utili anche per altro. Eppure gli oggetti, spesso, nascondono delle funzionalità davvero inaspettate. Ne abbiamo già avuto prova quando abbiamo visto che chi butta le bucce delle castagne sta sbagliando di grosso per questo motivo particolare.

Tornando alle retine della frutta, pochi lo notano, eppure queste non sono tutte uguali. Alcune sono di plastica più sottile e fragile, e infatti si riescono ad aprire facilmente. Altre, invece, sono costituite da plastiche più dure e resistenti, che non si apriranno mai finché non utilizzeremo un paio di forbici.

Indipendentemente dal materiale, questi imballaggi possono tornarci utili per una funzione importantissima, a cui non avremmo mai pensato. Risparmieremo parecchi soldi, facendo del bene alle nostre tasche e all’ambiente. Ecco di che cosa si tratta.

Molti le gettano senza sapere che le retine della frutta valgono oro per questa funzione importantissima

Il riciclo è una pratica fondamentale per risparmiare energie e materie prime e per salvaguardare il pianeta. Tutti dovremmo imparare a riciclare, e possiamo farlo persino all’interno delle nostre mura di casa. Tra gli oggetti riciclabili in casa, infatti, ci sono proprio le retine plastificate.

Sembra incredibile, eppure possono servire per proteggere le proprie piante aromatiche dall’attacco di uccelli in cerca di cibo. In questo periodo, infatti, sono tantissimi gli uccelli che arrivano sui nostri balconi in cerca di cibo. Ma come fare?

Contro gli uccelli sul balcone

Basterà prendere una retina o, se troppo piccola, riunirne alcune, e cucirle insieme lungo le estremità. In base alla pianta che dovremo coprire, potremo utilizzare tante retine quante ce ne serviranno. Dopo aver creato questa rete, basterà posizionarla intorno alla pianta, legandola con uno spago, e il gioco sarà presto fatto. La nostra pianta sarà finalmente al riparo da questi predatori che, a causa del freddo, ci ritroviamo spesso sul balcone. A tal proposito, ricordiamo che allontanare gli uccelli da piante e giardino è possibile con quest’oggetto geniale che ci abbellisce anche casa.

Purtroppo, però, sono ancora in pochi a conoscere questo riutilizzo molto utile. Infatti molti le gettano senza sapere che le retine della frutta valgono oro per questa funzione importantissima.

Sembra incredibile ma possono stare anche nel terreno

Possiamo riutilizzare le retine anche in quest’altro modo totalmente innovativo. Quando travasiamo le nostre amate piante, spesso posizioniamo dell’argilla espansa sotto il terreno.

Questo prodotto, infatti, è utilizzato nei vivai e non solo per trattenere nella pianta l’umidità che poi verrà rilasciata lentamente. Se dovesse servirci un po’ di argilla espansa ma non dovessimo averla a casa, potremo utilizzare le nostre fantastiche retine della frutta. In questo caso, dovremo appallottolare le retine, e posizionarle sotto il terreno. Queste tratterranno l’umidità e manterranno ben idratato il terreno.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te