Molti ignorano che responsabile molesta delle tremende e ripugnanti scoregge potrebbe essere l’aria che ingeriamo in questi modi

Uno degli argomenti forse più imbarazzanti e scabrosi, ma che tocca molte persone, è il meteorismo. Inutile far finta che non esista. Per quanto possiamo ritenerlo poco piacevole, è un dato di fatto che sia un problema reale.

Soprattutto laddove se ne soffra con una certa frequenza e possa quindi manifestarsi anche fuori casa e in presenza di altre persone. I dolori addominali, talvolta insopportabili, potrebbero portare a lasciarsi scappare una flatulenza in pubblico.

Una situazione di profondo disagio per il produttore del peto ma anche per coloro che lo circondano, che ovviamente è improbabile gradiscano.

Per tentare di arginare il malessere, ma anche determinate situazioni di imbarazzo, sarebbe importante saperne di più. Infatti, molti ignorano che responsabile molesta delle tremende e ripugnanti scoregge potrebbe essere anche l’aria che ingeriamo in questi modi che andremo a vedere.

Cos’è il meteorismo e quali sono i sintomi

La produzione di gas farebbe parte del processo di digestione. Normalmente sarebbe assorbito dalle pareti intestinali, messo in circolo nel sangue ed espulso tramite la respirazione.

Quando, però, si verificherebbe una sovrapproduzione di gas, questo rimarrebbe intrappolato nel tratto gastrointestinale e causerebbe, a seconda del punto di fuoriuscita, eruttazione o meteorismo.

Sintomi dello stesso sarebbero, oltre l’eccessiva emissione di peti, anche dolori, crampi e spasmi a livello addominale. Nonché anche l’aumento visibile della circonferenza addominale.

Per cercare di contrastare il meteorismo potrebbe essere utile prestare attenzione ad alcuni alimenti e abitudini. Ovviamente, imprescindibile rimane sempre consultare un medico per lasciarsi consigliare nel modo più opportuno.

Gli alimenti che solitamente producono gas, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, sarebbero soprattutto quelli contenenti carboidrati. Questi, infatti, sarebbero difficilmente assorbibili dall’ intestino tenue e passerebbero quasi non digeriti nell’ intestino crasso.

Vi sarebbero poi alcuni particolari alimenti che provocherebbero scorregge terribilmente puzzolenti.

Molti ignorano che responsabile molesta delle tremende e ripugnanti scoregge potrebbe essere l’aria che ingeriamo in questi modi

Non solo i cibi suddetti, però, causerebbero le scoregge. Infatti, non ce lo saremmo aspettati ma le flatulenze potrebbero ricollegarsi a un maggiore ingerimento di aria, attraverso alcune azioni e determinati alimenti.

Secondo quanto riportato dall’Istituto Superiore di Sanità, la quantità di aria aumenterebbe usando la cannuccia o succhiando le caramelle. In più, anche quando si mangia di fretta o, in modo scortese, si mangia chiacchierando a bocca piena.

Ci sorprenderà, ma anche con le sigarette inaleremmo aria assieme al fumo. Poi, in presenza di protesi dentarie, bisognerebbe controllarle, perché se in cattivo stato creerebbero maggiore saliva, la quale contiene bolle d’aria che andremmo a ingoiare.

Oltre ai suddetti comportamenti, vi sarebbero anche alimenti ricchi di aria e che quindi potrebbero favorire le scoregge. Si tratta di cibi e bevande che incorporano aria. Non ci facciamo caso probabilmente, ma è il caso di cibi molto lievitati, della panna montata che usiamo per i dolci, o ancora di frappè e frullati di frutta.

L’aria responsabile delle flatulenze dunque arriverebbe a noi in diversi modi che sicuramente non ci saremmo mai aspettati.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te