Migliaia di donne svedesi celano un segreto nel loro corpo da favola

Sono migliaia le donne svedesi che celano un incredibile segreto nel loro corpo da favola. Ma lo fanno insieme a migliaia di maschi (4.000 in tutto alla fine del 2018) in Scandinavia. Altre migliaia di persone hanno accettato in Germania e qualche centinaio circola già in Italia. Sono quelle che indossano un biochip.

Si tratta di un microchip cutaneo grande come un chicco di riso, impiantato tra il pollice e l’indice della mano attiva prevalente. Con la tecnica NFC, quella usata per le carte di credito a contatto, che non richiedono la digitazione del PIN, si leggono alcuni dati.

Ecco come funziona questo incredibile dispositivo che finora abbiamo visto solo nei film di fantascienza, con l’aiuto degli Esperti di Tecnologia di ProiezionidiBorsa. Si cerca di farlo passare come un prodotto fashion, leggero. Invece non è proprio così.

Il biochip memorizza tutti i dati personali

Il microchip sottocutaneo sostituisce tutte le schede elettroniche come la carta di credito, il tesserino aziendale e l’abbonamento ai mezzi pubblici. Può memorizzare altri dati personali come la cartella medica e quella esattoriale. Può memorizzare profili di social media o link a documenti personali.

Scannerizzandolo con uno smartphone senza neanche bisogno di appoggiarlo alla mano, si possono vedere sul display le informazioni richieste.

Migliaia di donne svedesi celano un segreto nel loro corpo da favola

Il microchip utilizza le comunicazioni Near Field (NFC) per dialogare con un sistema e per l’identificazione a radiofrequenza (RFID). Tra le prime aziende operanti in Europa, Biohax sta cercando un dialogo con Vodafone e PayPal per creare pagamenti contactless tramite i microchip impiantati. Lo stesso sta facendo la britannica BioTeq.

Il biglietto non si timbra più sui mezzi. Da Stoccolma a Oslo

Dunque, con un semplice gesto della mano, un passeggero della metropolitana può far controllare la validità del suo biglietto o aprire delle porte riservate a un certo gruppo di viaggiatori. Perché i suoi dati vengono trasmessi tramite onde elettromagnetiche. Le ferrovie svedesi offrono già dal 2017 la possibilità di usare il microchip cutaneo per viaggiare sui trasporti pubblici.

Per ora niente dati, niente disposizioni

Per ora il dispositivo non può accedere ai dati sanitari o altre informazioni riservate secondo la normativa vigente. Non può neanche condividere la propria posizione. Alcuni operatori hanno cominciato a condividere il proprio profilo.

Questo modo è sicuramente interessante perché permetterà a ciascuno di portare con sé, in maniera semplice, anche la propria identità. Ma la protezione della privacy durerà per quanto?

Consigliati per te