L’oro non era così in forma da 2 anni: massimi annuali nel mirino

oro

Se settimana scorsa avevamo evidenziato come l’oro sarebbe potuto andare a toccare i massimi annuali, questa volta possiamo affermare che ne abbiamo avuto la conferma. Come vedremo dall’analisi grafica, infatti, si sono create tutte le condizioni affinché ciò possa accadere.

D’altra parte l’oro non era così in forma da 2 anni. Era dal luglio 2020, infatti, che non si vedeva un rialzo così importante in termini quantitativi. Estendendo lo sguardo a oltre una settimana, poi, vediamo come era dall’aprile del 2020 che non si vedeva un rialzo così importante (superiore all’8%) in sei sedute di contrattazioni consecutive.

L’oro è salito alle stelle da giovedì, quando l’inflazione statunitense ha registrato la lettura annuale più lenta degli ultimi nove mesi. Sono, quindi, aumentate le speculazioni sul fatto che la Federal Reserve farà marcia indietro rispetto agli aggressivi rialzi dei tassi effettuati da marzo, facendo crollare il dollaro.

Un’ulteriore mano al rialzo dell’oro potrebbe arrivare anche dalla stagionalità. Come si vede dal grafico, infatti, stiamo andando incontro a una stagione favorevole alla crescita del prezzo del petrolio. Solo tra febbraio e marzo dovremmo assistere a una fase ribassista.

oro

Indice dei contenuti

L’oro non era così in forma da 2 anni: gli obiettivi secondo le indicazioni dell’analisi grafica

L’oro ha chiuso la seduta del 11 novembre in rialzo dello 0,90% rispetto alla seduta precedente, a quota 1.769,4 dollari. La settimana, invece, si è chiusa con un rialzo del 5,535%.

Nel breve periodo la proiezione in corso è saldamente rialzista avendo superato l’importante scoglio in area 1.737,6 dollari (I obiettivo di prezzo). A questo punto potrebbe essere molto probabile il raggiungimento di area 1.854,1 dollari (II obiettivo di prezzo). A seguire, poi, la massima estensione rialzista potrebbe andare a collocarsi in area 1.970 dollari (III obiettivo di prezzo) in corrispondenza dei massimi annuali.

Solo una chiusura giornaliera inferiore a 1.737,6 dollari potrebbe mettere in crisi lo scenario rialzista.

oro

Confermato lo scenario rialzista di cui scrivevamo alla chiusura di settimana scorsa

Con la chiusura di venerdì, poi, è stato rotto al rialzo il primo ostacolo lungo il percorso rialzista che ha come obiettivo più probabile in area 1.750 dollari. La rottura di questo livello, poi, potrebbe favorire un rialzo verso gli altri obiettivi indicati in figura dalla linea tratteggiata. La massima estensione rialzista potrebbe collocarsi in area 2.000 dollari, in corrispondenza dei massimi annuali.

oro

Consigliati per te