Inizieranno il 21 giugno le prove d’esame per il concorso da 5.410 posti ed ecco anche le sedi

Si attendevano notizie ormai da tempo e finalmente il Ministero ci ha dato delle importanti novità. Stiamo parlando del concorso a tempo determinato per 5.410 posti al Ministero della Giustizia, riservato a diplomati e laureati di tutta Italia.

Si tratta di una selezione su base distrettuale, le cui prove si svolgeranno in una sede stabilita dall’Amministrazione in base alla Regione scelta dai candidati.

Per chi non ricordasse alcuni dettagli del bando, i 5.410 sono così ripartiti:

  • 000 operatori data entry di seconda fascia F1;
  • 750 unità di seconda fascia F2;
  • 660 tecnici e analisti di terza fascia F3.

Per i primi 3.750 posti è possibile partecipare con il possesso del solo diploma quinquennale, mentre per le 1.660 unità si richiede la laurea.

Stando a quanto pubblicato sul sito RIPAM, le prove si svolgeranno a fine giugno.

Voci di corridoio annunciavano l’arrivo delle prove d’esame già durante l’estate ed ecco perché l’avviso non ha colto di sorpresa molti aspiranti dipendenti pubblici.

Inizieranno il 21 giugno e proseguiranno nei giorni 22, 24, 27 e 28, in due sessioni, alle 09.30 e alle 14.30.

Vediamo adesso quali sono i giorni per ciascun profilo e le città in cui svolgere l’esame.

Inizieranno il 21 giugno le prove d’esame per il concorso da 5.410 posti ed ecco anche le sedi

Leggendo il testo allegato al comunicato, le prove per il concorso da laureati di terza fascia F1 si svolgeranno nei giorni 21 e 24 giugno.

Diversamente, le selezioni per 3.000 operatori data entry avranno luogo il 22 giugno e quelle per 750 unità, nelle giornate di 27 e 28.

La prova consiste, per i 3 profili, in un quiz di 40 domande a risposta multipla da svolgere in un’ora.

Inoltre, l’avviso specifica anche le sedi destinate agli esami. In particolare e in base alla distribuzione regionale, le città che ospiteranno i candidati saranno le seguenti:

  • Milano;
  • Roma;
  • Napoli;
  • Foggia;
  • Rende;
  • Cosenza;
  • Catania;
  • Siracusa;
  • Palermo;
  • Sassari.

Per ulteriori e più precisi dettagli, si rinvia all’avviso di cui sopra, facendo attenzione al profilo selezionato.

I candidati sono invitati a presentarsi muniti della lettera di partecipazione che riceverà in questi giorni al proprio indirizzo email e l’autocertificazione Covid.

Non si dimentichi neppure il documento d’identità.

Si specifica, poi, che per tutta la durata della prova, ciascun partecipante dovrà indossare la mascherina FFP2.

Lettura consigliata

Nessuna prova orale o noiosi temi scritti, ecco come si attribuirà il punteggio per l’attesissimo concorso da oltre 5.000 posti

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te