Infornata di assunzioni al concorso del Ministero della Cultura per chi fa domanda entro il 9 dicembre

concorso

La Gazzetta Ufficiale n. 88 dell’11 novembre si è rivelata ricca di concorsi alquanto interessanti. Il discorso vale anche per il nuovo concorso del Ministero della Cultura per 518 unità a tempo pieno e indeterminato. I futuri assunti saranno inquadrati nell’area III nei ruoli MIC, ad eccezione della Provincia di Bolzano.

Ecco i posti disponibili

  • 268 funzionari come Archivista di Stato. Requisiti: LM-5 o equiparati più diploma specializzazione o dottorato o Master di 2° livello almeno biennale in materie attinenti. Oppure una qualunque LS o LM o DL o affini più il diploma o dottorato o Master come sopra o il diploma di specializzazione di una delle scuole di Alta Formazione come specificato al bando;
  • 130 funzionari in qualità di Bibliotecario. Requisiti: LM-5 o titoli equiparati più diploma di specializzazione o dottorato o Master di 2° livello per lo svolgimento dei compiti assegnati;
  • 15 posti come Restauratore Conservatore. Requisiti: LMR/02 o diploma rilasciato dalle scuole di alta formazione (come dettagliato al bando) oppure diploma DASLQ01 o qualifica di restauratore di beni culturali;
  • 32 funzionari Architetti. Requisiti: LM-3, LM-4, LM-10, LM-48, LM-75 o titoli equiparati più specializzazione o dottorato o Master di 2° livello almeno biennale in materie attinenti;
  • 35 Storici dell’Arte. Requisiti: LM-89 o affini e specializzazione come sopra;
  • 20 funzionari Archeologi. Requisiti: LM-2 o equiparati più il diploma o dottorato o Master in materie attinenti;
  • 8 funzionari come Paleontologi. Requisiti: LM-74, LM-60, LM-6, LMR/02 o equiparati più diploma o Master o dottorato come sopra;
  • 10 posti come funzionari Demoetnoantropologo. Requisiti: LM-1 e titoli equiparati e Master o dottorato o diploma come in precedenza.

Dunque, è in arrivo un’infornata di assunzioni al concorso del Ministero della Cultura. Infine, per ciascun profilo a concorso il 30% dei posti è appannaggio dei militari volontari in possesso dei requisiti di cui al bando.

Uno sguardo ai requisiti di ammissione alle selezioni

L’ammissione alle selezioni è subordinata al pieno possesso dei requisiti generici per l’accesso al pubblico impiego. Cioè la maggiore età e la cittadinanza italiana o di altro Stato membro UE o in linea con le deroghe previste dalla Legge in materia. Poi l’idoneità fisica all’impiego, il godimento dei diritti civili e politici e l’assolvimento dell’eventuale obbligo di leva.

I candidati non devono risultare destituiti o licenziati o allontanati e similari da un precedente impiego presso la P.A. Allo stesso modo devono risultare privi di condanne penali che comportino l’interdizione dai pubblici uffici.

I requisiti specifici attengono al titolo di studio e la formazione ad hoc così come indicato sopra per ciascun profilo.

Infornata di assunzioni al concorso del Ministero della Cultura per chi fa domanda entro il 9 dicembre

Le istanze vanno inviate online entro il 9 dicembre. Il candidato dovrà autenticarsi con proprie credenziali digitali sul portale inPA, previa registrazione.

Il concorso si snoderà partendo dalla prova scritta, distinta per i vari codici concorso. Poi seguirà una prova orale per i soli candidati vincitori del primo test e a seguire la valutazione dei titoli.

I vincitori di concorso verranno assegnati presso le varie sedi MIC, a seconda delle esigenze e/o disponibilità dei posti.

In chiusura, invitiamo il Lettore alla consultazione integrale del bando considerati i vari dettagli previsti dal nuovo concorso MIC.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te