In pochi conoscono l’efficacissimo metodo con cui estirpare una volta per tutte le erbacce dall’orto

La tradizione agricola italiana è antichissima e vanta molte eccellenze sul territorio. Moltissimi sono i prodotti agroalimentari coltivati con qualità e competenza.

Per ottenere gli importantissimi riconoscimenti rilasciati dai marchi DOC, DOP o IGT, nulla deve essere lasciato al caso. La maggior parte delle problematiche qualitative, riscontrate del consumatore finale, sono riconducili a errate procedure agronomiche.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

In ogni fase della coltivazione, infatti, ogni leggerezza viene pagata a caro prezzo. Un tema molto attuale, legato alla sostenibilità delle coltivazioni, riguarda il trattamento delle erbe infestanti. In gergo tecnico chiamate malerbe, sono i principali responsabili dello scarso valore qualitativo dei frutti. Per risolvere il problema ecco svelato l’efficacissimo metodo che in pochi conoscono con cui estirpare una volta per tutte le erbacce dall’orto.

La sarchiatura del terreno, una tecnica molto utile per limitare le piante infestanti

Come detto un contenimento adeguato delle piante infestanti, il più delle volte, è cruciale per ottenere un raccolto all’altezza delle aspettative. Attraverso la sarchiatura del terreno, è possibile smuovere le zolle dello strato superficiale del terreno. Per intendersi i primi 10 centimetri.

Con questa frantumazione del terreno è possibile, infatti, ledere irreversibilmente le radici delle malerbe. Oltre a questo scopo la sarchiatura permette di mantenere in ordine il suolo.

Il momento migliore per eseguire questa tecnica, indicativamente, si manifesta un mese dopo la semina o la messa a dimora delle piante. Oltre a eliminare le radici non volute, questa tecnica permette di rendere il terreno più malleabile. Con sempre più frequenza si manifestano periodi aridi e siccitosi, la sarchiatura serve anche per ridurre la compattezza del terreno.

Con quali attrezzi si può effettuare la sarchiatura

Data la grande diffusione della pratica, esistono molti modi con cui “sarchiare” il terreno. L’attrezzo più utilizzato, dagli hobbysti e non solo, rimane la zappa.

Utilissima anche nelle serre domestiche di piccole dimensione, la zappa è uno degli attrezzi più utilizzati da anni. Contrariamente alla sarchiatura in pieno campo, che necessita di macchinari appositi molto costosi, il costo della sarchiatura domestica presenta un costo contenuto.

Con circa 15 euro è possibile acquistare un modello di zappa, molto performante. Una buona dose di olio di gomito è un’altra componente essenziale in queste tipologie di operazioni. La combinazione di queste due cose, ne siamo certi, produrrà strepitosi risultati.

Ecco svelato l’efficacissimo metodo che in pochi conoscono con cui estirpare una volta per tutte le erbacce dall’orto.

Approfondimento

Ecco alcuni lavori utilissimi da effettuare per una corretta manutenzione del manto erboso in aprile

Consigliati per te