In ipotesi di casa non abitata, si paga la TARI?

Alla domanda “in ipotesi di casa disabitata, si paga la TARI?” occorre rispondere fornendo dei chiarimenti preliminari.

Certamente, il pagamento di una tassa come la TARI, che presuppone la produzione dei rifiuti, dovrebbe non essere dovuta in ipotesi di casa disabitata. Tuttavia, la presunzione è in linea con il dovere di pagare. Sicché per esserne esonerato, occorre fornire la prova contraria.

Si tratta della presunzione secondo cui si faccia uso dell’abitazione. E consequenzialmente di tutti i servizi a tale utilizzo collegati.

In genere, infatti, le tasse sono dovute per il solo fatto di possedere un’abitazione.

Si pensi all’IMU, che prescinde dalla circostanza che si utilizzi o meno della casa. Ma è legata al mero possesso.

Per la TARI, tuttavia, il problema centrale consiste nel dimostrare che, effettivamente, la casa non è abitata.

Cosa stabilisce la legge

Per rispondere alla domanda “in ipotesi si casa non abitata, si paga la TARI?” occorre volgere lo sguardo a ciò che stabilisce la legge.

Quest’ultima, in particolare, prevede delle esenzioni. Ossia dei casi in cui la TARI non va pagata.

Essi operano per: 1) le parti condominiali non utilizzate in esclusiva (il cortile, le scale, ecc.); 2) i locali in cui, oggettivamente, non è possibile produrre dei rifiuti, come ad esempio una cantina; 3) i locali in cui, per determinate circostanze temporali, non è possibile produrre dei rifiuti.

Infine, c’è proprio l’ipotesi della casa disabitata. In tal senso, sia il Ministero dell’Economia che la Cassazione hanno concordato nel reputare sussistente l’esenzione. Tuttavia, resta il problema di come dimostrare che la casa sia disabitata. In modo tale di avvalersi dell’esonero.

Come dimostrare che la casa è disabitata?

Ebbene, è semplice comprendere come la prova dell’abitazione disabitata si possa fornire dimostrando che mancano le utenze. Questa, infatti, è la prova più incontrovertibile in quanto se mancano i contatori di luce, acqua e gas, non si può davvero reputare che in casa si producano rifiuti.

Inoltre, è esentato dal pagamento, anche chi ha ereditato o acquistato un’abitazione ma deve ancora ristrutturarla e così com’è non è abitabile.

In definitiva, per rispondere alla domanda centrale di questo articolo: quando la casa è disabitata, la TARI non è dovuta. Tuttavia, l’esonero sussiste soltanto se si fornisca la prova contraria alla presunzione di abitazione e detta prova incombe sul contribuente.

Abbiamo risposto, dunque, al quesito iniziale: “in ipotesi di casa non abitata, si paga la TARI?”.

Consigliati per te