In arrivo l’evento che catalizzerà l’attenzione di investitori e risparmiatori per molti giorni

Le seconda seduta della settimana borsistica termina per l’Europa con risultati poco esaltanti. Tutti i principali listini hanno chiuso in territorio negativo ad eccezione di una Borsa, quella di Milano. Le variazioni di prezzo al termine della giornata sono esigue, segnale di una scarsa attività. In realtà la fotografia finale nasconde una verità ben diversa, specialmente per Piazza Affari.

I mercati azionari scontano una debolezza di fondo. Gli operatori anche oggi hanno seguito la linea della prudenza, perché non arrivano messaggi incoraggianti dal mercato e dall’economia. I grandi investitori oggi sono stati prudenti anche per un altro motivo. È in arrivo l’evento che catalizzerà l’attenzione di investitori e risparmiatori per molti giorni. Gli esiti di questo evento condizioneranno l’evoluzione dei mercati per le prossime sedute e forse per le prossime settimane e mesi.

Oggi la Borsa di Milano ha rischiato il tracollo

Le Borse europee hanno chiuso quasi tutte in territorio negativo ma con perdite limitate. L’Euro Stoxx 50 ha perduto lo 0,6%, la Borsa tedesca lo 0,5%, Parigi è calata dello 0,6%. Anche Londra ha terminato in negativo nonostante le ottime notizie che arrivano dal mondo del lavoro. In Gran Bretagna a settembre l’occupazione è salita a livelli record. La Borsa di Milano è tornata a correre più di tutti. Piazza Affari ha guadagnato lo 0,2% e l’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) ha chiuso 25.990 punti.

Il dato della chiusura della Borsa di Milano nasconde la realtà di una seduta che in avvio di giornata ha rischiato di diventare drammatica. La Borsa oggi ha aperto in profondo ribasso a causa della chiusura negativa di Wall Street e in conseguenza dei cali delle Borse asiatiche. Poi i prezzi hanno recuperato nell’arco della giornata. Il listino milanese è risalito insieme alle altre Borse europee anche grazie al calo, momentaneo, del prezzo del petrolio. Prysmian e Diasorin hanno tenuto a galla il nostro listino. Il primo titolo ha guadagnato il 3,5%, migliore performance tra le blue chip. Diasorin ha guadagnato il 2,7%, probabilmente in seguito all’avvicinarsi del Green Pass obbligatorio sui posti di lavoro. Quest’obbligo probabilmente spingerà la vendita dei tamponi.

In arrivo l’evento che catalizzerà l’attenzione di investitori e risparmiatori per molti giorni

Ma la prudenza degli operatori deriva soprattutto da un altro evento. Domani scatterà la stagione delle trimestrali negli Stati Uniti. Da questi dati di bilancio trimestrali gli operatori cercheranno di capire come può impattare l’inflazione sugli utili delle aziende. Tra le società che pubblicheranno i dati questa settimana ci sono tutte le grandi banche commerciali USA. Gli operatori si attendono utili sopra le attese perché questa fase economica è favorevole al settore finanziario. Ma è sfavorevole per la maggior parte dei settori economici. Il Fondo Monetario Internazionale ha diffuso le sue previsioni per la crescita mondiale nel 2021. Secondo l’FMI, il PIL mondiale del 2021 crescerà del 5,9% rispetto al 6% delle stime di luglio. Rimane confermata la crescita del 4,9% per il prossimo anno. L’inflazione inizia a mordere.

Approfondimento
Il punto sui mercati

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te