In arrivo 10 miliardi a sostegno di queste categorie di lavoratori

In arrivo in Italia i fondi del SURE. Per chi è in cassa integrazione è una ottima notizia, specialmente alla luce della evoluzione degli avvenimenti degli ultimi giorni. La decisione di chiudere alcune attività alle 18.00 e altre totalmente, come palestre, cinema e teatri, rischia una ondata di licenziamenti. I fondi SURE potrebbero aiutare a limitare il problema, vediamo perché.

In arrivo 10 miliardi a sostegno di queste categorie di lavoratori

La notizia è arrivata ieri direttamente dal Presidente della Commissione UE, Ursula von del Leyen. È pronta la prima tranche dei fondi del SURE richiesti dall’Italia. I fondi in totale che dovrebbero arrivare, sono 27 miliardi.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Cosa sono i fondi SURE? Il SURE è un fondo, da 100 miliardi di euro totali, pensato per sostenere i lavoratori colpiti dalla crisi della pandemia. In pratica è una specie di cassa integrazione europea. Questi aiuti dovrebbero servire agli Stati che ne faranno richiesta, per implementare le politiche economiche di sostegno al lavoro.

In Italia saranno utilizzati per aiutare i lavoratori a rischio licenziamento. Grazie allo sblocco della prima tranche, dall’UE sono in arrivo 10 miliardi a sostegno di queste categorie di lavoratori. Infatti, grazie a questi fondi, sarò possibile aumentare la cassa integrazione. Fondi a cui possono attingere le aziende per pagare gli stipendi di lavoratori inattivi a causa della pandemia.

Un grande aiuto ai ristori promessi dal Governo entro l’11 novembre

C’è il rischio di licenziamento per i lavoratori di quelle attività colpite dagli ultimi provvedimenti, come bar, ristoranti, palestre, cinema, sale da ballo ecc. Se le aziende non ce la fanno a pagare lo stipendio al dipendente che rimane a casa, potrebbero ricorre alla misura estrema del licenziamento.

Con i fondi SURE il Governo avrà nuove risorse economiche da distribuire alle attività che ne faranno richiesta. Aiuti che potranno essere dati, alle condizione che il datore di lavoro non licenzi il dipendente.

I 10 miliardi del Fondo SURE in arrivo dall’Europa, possono aiutare il Governo a mantenere la promessa dei ristori per le attività colpite dai provvedimenti. Tutte le attività in sofferenza a causa dell’ultimo blocco, che faranno richiesta di aiuti economici a fondo perduto, li riceveranno entro l’11 novembre. Il premier Conte lo ha promesso nella conferenza stampa di domenica 25 ottobre.

Approfondimento

Allarme in Italia per l’aumento delle tasse e il calo del reddito. Il link all’articolo.

Consigliati per te