Impossibile buttare le bucce d’arancia perché valgono un tesoro in casa e per corpo e cucina

Forse non tutti lo sapranno, ma in realtà quello che oggi chiamiamo arancia è il risultato di un incrocio agricolo tra pomelo e mandarino. Si stima che questo frutto possa provenire dall’antica Cina di 4000 anni fa, per approdare in Europa solo dal XV secolo.

Da allora questo agrume si è ampiamente diffuso fino ad arrivare ai giorni nostri e diventare tra i frutti più amati in assoluto. Specialmente nel periodo invernale, facciamo un largo consumo di arance sia intere che spremute lasciandoci, però, la casa stracolma di bucce.

Se già in passato avevamo detto che molti buttano i limoni spremuti non sapendo che valgono oro per queste funzioni, oggi ci focalizzeremo sull’utilizzo delle bucce d’arancia.

Prima di iniziare tuttavia è opportuna una piccola raccomandazione. Nel corso dell’articolo faremo una distinzione tra gli utilizzi delle bucce di arance trattate e di quelle biologiche e quindi commestibili.

Tanti modi diversi per profumare la casa

Le arance vantano un corredo aromatico davvero ampio, persistente, fresco e gradevole che si rende perfetto per dare un buon odore alla casa. Infatti, se disponiamo di molte bucce di arancio trattato possiamo impiegarle per trasformarle in deodoranti naturali per ambienti.

Sarà sufficiente mettere le nostre bucce dentro un sacchetto di garza traspirante che poi appenderemo al termosifone. Con il calore gli oli essenziali dell’arancia sublimeranno inondando la stanza di un gradevole aroma agrumato. Allo stesso modo facendo essiccare le bucce, possiamo realizzare un elegante pot-pourri mettendole in un vasetto assieme ad altre spezie. Fiori e petali secchi, anice stellato, cannella, comporranno un profumatore per ambienti eccezionale.

Impossibile buttare le bucce d’arancia perché valgono un tesoro in casa e per corpo e cucina

Quando invece siamo in possesso di arance biologiche e quindi non trattate abbiamo moltissimi impieghi a disposizione.

Potremmo infatti prenderci cura della nostra pelle realizzando uno scrub esfoliante alla buccia d’arancia. Dopo averla lavate con cura, grattugiamo la buccia e mescoliamo con poco sale fino per ottenere uno scrub da utilizzare sotto la doccia per eliminare la pelle morta.

Sembrerebbe che scrub di arancia, potrebbero essere utili anche contro gli inestetismi della cellulite.

Soddisfazioni in cucina

Infine, se non vogliamo impiegare le bucce d’arancia per casa e bellezza, possiamo orientarci in cucina, come? Semplicissimo, con delle golose scorze d’arancia candite.

Dovremo prima separare la polpa dalla buccia, mettere le scorze in acqua fredda e portare a bollore. Questo passaggio andrà ripetuto 4 volte. Dopodiché in un litro d’acqua metteremo 800g di zucchero nel quale poi verseremo le nostre bucce. Lasciando sobbollire per 30 minuti avremo ottenuto dei golosi canditi da aggiungere ai dolci o da intingere per metà nel cioccolato fondente.

Quindi, impossibile buttare le bucce d’arancia perché valgono un tesoro in casa e per corpo e cucina.

Approfondimento

Pochi conoscono il magico sacchetto che elimina i piccioni all’istante da tetto e terrazzo

Consigliati per te